(OZAN KOSE/AFP/Getty Images)
  • Mondo
  • domenica 25 Ottobre 2015

Che ore sono davvero in Turchia?

Il governo ha deciso di posticipare l'arrivo dell'ora solare per non danneggiare l'affluenza delle elezioni, ma non ha tenuto conto di tutti gli orologi che cambiano ora automaticamente

(OZAN KOSE/AFP/Getty Images)

In queste ore c’è molta confusione in tutta la Turchia a causa della decisione del governo turco di rinviare il passaggio dall’ora legale all’ora solare per non rischiare di influenzare l’affluenza delle elezioni politiche previste per l’1 novembre. Decine di migliaia di orologi elettronici sono automaticamente passati all’ora solare – nonostante la decisione del governo – causando problemi e disagi in tutta la Turchia. BBC racconta che migliaia di turchi stanno commentando l’evento sui social network con l’hashtag #saatkac, ossia «che ore sono?».

Con il passaggio all’ora solare i turchi avrebbero dovuto spostare i loro orologi di un’ora indietro, come è accaduto ad esempio in Europa e negli Stati Uniti. L’oscurità sarebbe arrivata un’ora prima, cosa che secondo il governo avrebbe potuto far diminuire l’affluenza. Così lo scorso settembre il governo ha deciso di posticipare all’8 novembre il passaggio all’ora solare in modo che il primo novembre, quando i turchi voteranno alle elezioni più delicate degli ultimi anni, ci sarà un’ora di luce in più. Ma la decisione del governo turco non ha tenuto conto del fatto che la maggior parte di smartphone, PC e tablet sono dotati di un orologio che considera automaticamente i cambi di orari, compresi i passaggi dall’ora solare a quella legale e viceversa. Nonostante l’Authority per le Telecomunicazioni avesse consigliato ai cittadini turchi di aggiustare manualmente l’orario dei proprio smartphone, questa mattina moltissimi turchi si sono svegliati con i loro dispositivi che mostravano un’ora e il loro paese che, almeno ufficialmente, ne stava utilizzando un’altra.

BBC ha notato che molti Turchi sembrano dare la colpa di questa situazione al presidente turco Recep Tayyip Erdoğan, il più importante politico dell’ultimo decennio in Turchia. Erdoğan è spesso accusato di autoritarismo e paternalismo nei confronti dei turchi, oltre che di comportamenti bizzarri come la costruzione di un enorme palazzo di più di mille stanze da utilizzare come residenza presidenziale. In queste ore circola molto una battuta secondo cui la Turchia è passata da essere parte del fuso orario EET, “Tempo europeo orientale” a EEST, “Erdoğan Engineered Standard Time”, ossia “Tempo standard progettato da Erdoğan”.

La Turchia è in un momento molto delicato della sua storia. È praticamente in guerra con il PKK, un partito filocurdo dichiarato fuorilegge in Turchia, ha una situazione economica molto fragile e non ha un “vero” governo dalle ultime elezioni politiche del giugno 2015, quando l’AKP vinse le elezioni ma non riuscì a formare una maggioranza per governare