Popcorn Time ha chiuso

Il sito web che permetteva di vedere film in streaming ha annunciato su Twitter la sua chiusura: nel frattempo è nato "Butter", la versione legale di Popcorn Time

(Twitter)

Popcorn Time era un un software e sito web che permetteva di vedere film in streaming istantaneamente tramite BitTorrent, uno dei più diffusi sistemi per condividere file online e ritenuto tra le principali cause della pirateria online. Popcorn Time ha chiuso nelle ultime ore: era già successo in passato che il sito andasse offline per diverse ore, ma questa volta si tratta proprio di una chiusura. Popcorn Time, creato nel marzo 2014, ha sempre avuto molti problemi di copyright legati al servizio che offriva: per intenderci, era stata definito il “Netflix dei pirati” perché offriva un servizio e un’interfaccia simili a quelli di Netflix – servizio a pagamento per vedere film in streaming, in Italia disponibile dal 22 ottobre – ma lo faceva gratis e senza i necessari permessi di chi deteneva i diritti dei film che trasmetteva.

La chiusura di Popcorn Time – il cui sito al momento non esiste più, nemmeno su domini diversi da quello originale – è stata comunicata alcune ore fa dal profilo ufficiale Twitter di Popcorn Time: «questo è probabilmente il nostro ultimo messaggio, per favore sostenete il nostro progetto legale: Butter. Grazie di tutto».

Secondo quanto scrivono The Next Web e The Verge – due tra i più affidabili siti di tecnologia – «nelle ultime settimane Popcorn Time si è lentamente disintegrato»: a causa di problemi sia etici che legali, alcuni sviluppatori del software – molti dei quali ancora minorenni – hanno deciso di abbandonare il progetto, e sembra ci siano stati anche molti problemi “tecnici” che hanno impedito al sito di rimanere online. Popcorn Time è stato “abbandonato” anche da Milan Kragujevic, il programmatore 15enne che aveva registrato il dominio del sito e ne era proprietario. Kragujevic ha spiegato a The Verge di aver passato “a un caro amico il controllo” di Browser Popcorn, la più recente versione di Popcorn Time. Kragujevic ha detto di essere ancora parte del progetto ma di non essere più il proprietario di nulla, così da non dover essere «quello che cade se le cose dovessero farsi tragiche».

Nel frattempo è però nato Butter (“burro”, in italiano): una versione legale di Popcorn Time priva dei contenuti protetti da copyright. Butter mette a disposizione contenuti non protetti da copyright e permette agli utenti di caricare i loro video. The Verge spiega che Butter è anche «una copia dell’infrastruttura di base del servizio di Popcorn Time», fatta per permettere ai programmatori di usarla senza rischiare alcuna conseguenza legale. In sintesi: Butter è legale, mette però implicitamente a disposizione dei programmatori una “copia” di quello che è stato Popcorn Time, lasciando così ai programmatori la possibilità – se lo volessero – di ricreare da sé dei software simili.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.