(MARTIN BUREAU/AFP/Getty Images)
  • Sport
  • sabato 24 ottobre 2015

La Nuova Zelanda è in finale ai Mondiali di rugby

Ha vinto 20 a 18 contro il Sudafrica e incontrerà la vincente di Argentina-Australia, che si giocherà domenica alle 17

(MARTIN BUREAU/AFP/Getty Images)

Aggiornamento dopo la partita: La Nuova Zelanda ha battuto 20 a 18 il Sudafrica e si è così qualificata per la finale della Coppa del Mondo di rugby, che si giocherà il 31 ottobre a Twickenham. Incontrerà la vincente di Australia-Argentina, che si giocherà domenica 25 ottobre.

***

Nuova Zelanda e Sudafrica giocano oggi la prima semifinale dei Mondiali di rugby 2015, che si stanno disputando in Gran Bretagna: Sudafrica-Nuova Zelanda si gioca alle 17 allo stadio di Twickenham, in Inghilterra, e la si potrà vedere in diretta su Sky Sport 2, in streaming su Sky Go e in differita su Mtv dalle 19.15. Lo stadio di Twickenham è uno dei più importanti stadi del rugby – è anche chiamato “la “cattedrale del rugby” – ed è quello che domani ospiterà l’altra semifinale – Argentina-Australia – e in cui il 31 ottobre si giocherà la finale della Coppa del Mondo. La partita tra Nuova Zelanda e Sudafrica è molto attesa anche perché la rivalità tra le due nazionali è forte, probabilmente la più sentita e significativa nel rugby.

La storia di Nuova Zelanda e Sudafrica
Nuova Zelanda e Sudafrica sono al momento due delle squadre di rugby più forti al mondo, e lo sono da decenni. La loro rivalità iniziò nel 1921 a Dunedin, in Nuova Zelanda, dove giocarono una partita di “rugby union”, il rugby che si gioca 15 contro 15: vinse la Nuova Zelanda 13 a 5. Da allora Nuova Zelanda e Sudafrica si sono affrontate in tutto 90 volte: ci sono stati tre pareggi, 35 vittorie del Sudafrica e 52 vittorie della Nuova Zelanda. Il Sudafrica è comunque la nazionale con la migliore percentuale di vittorie contro la Nuova Zelanda: ha vinto il 39 per cento delle partite giocate (la forte Australia ha per esempio vinto solo il 27 per cento delle sue partite contro la Nuova Zelanda).

Nuova Zelanda-Sudafrica, nel 1981
Tra le partite più significative e conosciute giocate tra Nuova Zelanda e Sudafrica ci sono quelle del 1981. Quell’anno la nazionale sudafricana fece un tour in Nuova Zelanda (non succedeva da 16 anni): giocò contro diverse squadre, tra cui anche la nazionale neozelandese. Nuova Zelanda e Sudafrica giocarono tre partite: due le vinse la Nuova Zelanda e una il Sudafrica. Di quel tour si parlò però soprattutto per motivi politici: in Sudafrica c’era l’apartheid, la segregazione razziale, e in Nuova Zelanda erano in molti a protestare contro le politiche del governo sudafricano. Alcuni credevano che la nazionale sudafricana – che di fatto rappresentava uno stato razzista – non sarebbe dovuta essere ammessa al torneo organizzato in Nuova Zelanda. Tra le proteste che si organizzarono ce ne fu una piuttosto scenografica: nell’ultima delle tre partite tra Sudafrica e Nuova Zelanda un aereo volò sopra lo stadio e sganciò come gesto dimostrativo delle specie di bombe fatte con la farina (assolutamente innocue).

Sudafrica-Nuova Zelanda, nel 1995
La più famosa partita tra Sudafrica e Nuova Zelanda è senza dubbio quella giocata il 24 giugno 1995 a Johannesburg, in Sudafrica. Era la finale di Coppa del Mondo di rugby, che arrivava alla fine di un periodo di grandi cambiamenti per il Sudafrica, grazie alla presidenza di Nelson Mandela e alla fine del regime di apartheid. Mandela riuscì a convincere moltissimi neri sudafricani a tifare per la nazionale di rugby del Sudafrica, che fino a quel momento era stata considerata una squadra “di bianchi” (era formata prevalentemente da bianchi, e in generale il rugby era considerato uno sport “da bianchi”). La storia di quella Coppa del Mondo – poi vinta dal Sudafrica – è raccontata dal film Invictus, del 2009.

La rivalità tra Nuova Zelanda e Sudafrica
Andy Bull scrive sul Guardian che la rivalità tra le due squadre è talmente sentita che il museo nazionale della Nuova Zelanda ha una sezione appositamente dedicata alle sfide tra Nuova Zelanda e Sudafrica “perché i curatori la ritengono così importante che non si potrebbe capire la storia della Nuova Zelanda senza sapere di quella rivalità”.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.