(Vittorio Zunino Celotto/Getty Images)
  • Moda
  • lunedì 28 settembre 2015

Armani, per finire

Le foto della sfilata milanese del più famoso di tutti, ancora oggi che festeggia i quarant'anni di attività

di Enrico Matzeu – @enricomatzeu
(Vittorio Zunino Celotto/Getty Images)

Nell’ultima giornata di sfilate a Milano, lunedì 28 settembre, lo stilista Giorgio Armani ha presentato la collezione della sua prima linea. La seconda, Emporio Armani, aveva già sfilato venerdì scorso. L’evento si è tenuto come sempre al Teatro Armani, uno spazio di proprietà dell’azienda in via Bergognone, in zona Tortona a Milano. La passerella era bianca e al centro c’erano dei fiori e delle foglie stilizzati. Sedute in prima fila c’erano persone famose, molte attrici, e Sophia Loren, che è un’amica di Armani, nonché testimonial del marchio.

Solitamente Armani viene accusato dalla critica di proporre nelle varie collezioni sempre le stesse cose, soprattutto per i colori e i tagli. Questa volta però ha cambiato e oltre al solito grigio (colore che caratterizza le sue cose), ha inserito il rosso, come aveva già fatto nella sfilata di Haute Couture a Parigi lo scorso giugno. Secondo alcuni si è adattato alla tendenza generale di fare capi eccentrici e molto decorati (secondo Simone Marchetti su D «si tratta di una moda non molto diversa dal selfie-style visto su altre passerelle, una serie di abiti e accessori pensati tanto per essere eccentrici quanto per fare scalpore negli autoscatti sui social network»). Nella collezione ci sono pantaloni morbidi, i classici giacchini corti e sagomati e molti ricami. La novità però è la scelta che Armani ha fatto dell’organza, tessuto trasparente e piuttosto rigido usato per sottogiacca, gonne arricciate e pantaloni, lasciando intravedere molto il corpo: «Il mio intento è dare alle donne la cosa più semplice che chiedono: essere belle, essere sexy», ha sostenuto poi coi giornalisti.

Subito dopo la sfilata Armani ha presentato al pubblico e alla stampa il suo libro autobiografico “Giorgio Armani”, curato dalla giornalista di Vogue Suzy Menkes. Il libro è uscito perché quest’anno lo stilista ha festeggiato i quarant’anni di attività, fondando la sua azienda a Milano nel 1975, dopo aver lavorato come vetrinista per La Rinascente prima e come designer da Cerruti dopo. Il libro contiene molte fotografie e aneddoti del lavoro e della vita di Armani (un’altra raccolta di sue frasi era uscita l’anno passato). Lo scorso maggio è stato aperto accanto all’Armani Teatro anche l’Armani Silos, uno spazio espositivo ricavato dal deposito di una vecchia fabbrica, che nei mesi passati è stato spesso associato alla nuova Fondazione Prada nelle valutazioni sui nuovi interventi architettonici milanesi.

In quarant’anni di lavoro Armani ha messo assieme un patrimonio di circa 6,8 miliardi di euro e per questo è considerato il quinto uomo più ricco d’Italia. A proposito del suo ruolo nella moda italiana – di cui è stato per molto tempo il rappresentante più noto e ammirato in tutto il mondo -, sul Guardian Hannah Marriott scrive che il successo del fashion system italiano spesso viene giudicato in relazione al lavoro di Armani: «Versace, fondato nel 1978, è considerato l’opposto sexy e impertinente del suo gusto e della sua raffinatezza; l’approccio intellettuale di Prada è visto poi come un forte contrasto ad Armani e Versace. E Dolce e Gabbana non sono mai stati tanto enfants terribles come quando hanno polemizzato con lui».
«È il re, non ha niente da dimostrare», conclude Marriott.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.