• Mondo
  • venerdì 25 settembre 2015

I separatisti hanno vinto in Catalogna

Le due liste secessioniste hanno la maggioranza assoluta dei seggi ma non dei voti: si mettono in una posizione di forza ma sull'indipendenza gli elettori sono divisi

Il presidente della Catalogna Artur Mas festeggia con i suoi sostenitori il risultato delle elezioni (David Ramos/Getty Images)

22.50: scrutinio al 95%, niente di cambiato. La somma dei seggi delle due liste separatiste dà 72 seggi, quattro in più della maggioranza assoluta. Il numero dei voti raccolto però è equivalente al 47,8%, meno della maggioranza assoluta degli elettori. La regione è quindi molto divisa rispetto all’appoggio dei progetti secessionisti.

21.53: dati di metà scrutinio: “Junts pel si” ha 62 seggi, CUP 10. Restano 4 in più della maggioranza assoluta, malgrado in numero di voti le due liste siano solo al 47%.

21-37: con il 30% dei voti scrutinati “Junts pel si” ora risulta a 64 seggi: sommati ai 9 del CUP sarebbero 73, ben sopra la maggioranza di 68. Il risultato di Ciutadans è migliore delle previsioni, fino a questo momento: sono la seconda forza e avrebbero 23 seggi.

21.20: lo scrutinio è solo al 10% ma i dati per ora somigliano a quelli degli exit poll. “Junts pel si” otterrebbe 63 seggi e CUP ne avrebbe 9.

Aggiornamento delle 20.45: Secondo un primo exit poll, diffuso dalla televisione catalana TV3, la coalizione degli indipendentisti “Junts pel sì” (“Uniti per il sì”) avrebbe vinto le elezioni per il parlamento regionale in Catalogna. Secondo questo exit poll gli indipendentisti avrebbero ottenuto tra 63 e 66 seggi, dato vicino a quello degli ultimi sondaggi. Il parlamento regionale catalano ha 135 seggi: la maggioranza assoluta è quindi di 68 seggi. Il partito Candidatura d’Unitat Popular, di sinistra e a sua volta a favore dell’indipendenza, è dato dall’exit poll a 11-13 seggi: sarebbe quindi possibile un’alleanza con la principale coalizione separatista per ottenere la maggioranza assoluta dei seggi. Lo scrutinio è appena iniziato. Il capolista di CUP a Barcellona, Antonio Baños ha twittato: “Dedicato allo stato spagnolo. Addio, senza rancore”.

***

Oggi, domenica 27 settembre, si vota in Catalogna, Spagna, per eleggere i 135 nuovi membri del parlamento della regione e un nuovo presidente. Si tratta di elezioni anticipate, volute dall’attuale presidente Artur Mas dopo che non era riuscito – bloccato da una sentenza – a indire un referendum sull’indipendenza della regione, come aveva promesso prima della sua vittoria nel 2012. Di fatto le elezioni di domenica sono una specie di consultazione indiretta sull’indipendenza: votare per la coalizione di Mas vorrà dire essere per l’indipendenza, votare per i suoi avversari vorrà dire essere contrari. Gli ultimi sondaggi mostrano le due coalizioni piuttosto vicine.

La Catalogna è una regione nordorientale della Spagna di quasi otto milioni di abitanti (circa il 19 per cento della popolazione del paese, che produce il 19 per cento del suo PIL): ha come capitale Barcellona e possiede una propria fortissima identità culturale e storica, a cominciare dalla lingua, il catalano. Dispone già di un proprio parlamento nell’ambito di un complesso sistema di autonomie, che da tempo lavora allo svolgimento di un referendum consultivo sull’indipendenza.

I sondaggi riflettono il fatto che le votazioni saranno un referendum implicito sull’ipotesi di indipendenza catalana. El País ha raccolto in un grafico le principali ricerche condotte negli ultimi quindici giorni. Una delle più recenti mostra gli indipendentisti – che sono rappresentati dalla coalizione “Junts pel sì” (“Uniti per il sì”, guidata dall’ex eurodeputato di sinistra Raul Romeva e che raggruppa forze di sinistra e di centrodestra, tra cui il partito di Mas, CDC) e da “Candidatura d’unitat popular” (CUP) – a quasi il 50 per cento dei voti: insieme dovrebbero dunque ottenere tra i 76 e 78 seggi, sopra la soglia necessaria a ottenere la maggioranza, fissata a 68.

I contrari all’indipendentismo tutti insieme arriverebbero invece a 53-55 seggi. All’interno di questo schieramento c’è Ciutadans, la versione “catalana” di Ciudadanos, un partito nazionale nato in Catalogna nel 2006, che non si dichiara né di destra né di sinistra ma post-nazionalista e progressista, e che è contrario all’indipendenza: è dato intorno al 15 per cento, che corrisponde a 19 seggi. I conservatori del PP sono al 7,3 per cento (10 seggi) e i socialisti del PSC al 11,4 (14 seggi). Podemos, il partito di Pablo Iglesias, come già per le municipali di Barcellona, non presenta una lista con il proprio nome ma ha dato il suo appoggio alla lista “Catalunya sì que es pot”, di cui fa parte insieme a Izquierda Unida e ai Verdi e che otterrebbe 14 seggi. “Catalunya Sí que es Pot” è sostanzialmente contrario all’indipendenza, ma favorevole a una maggiore autonomia regionale.

Sondaggi Spagna

La campagna elettorale si è aperta lo scorso 11 settembre con una grande manifestazione a Barcellona favore dell’indipendentismo. A parte gli argomenti che i due schieramenti usano da tempo a favore e contro una separazione dal resto del paese, entrambe le parti hanno dedicato molta attenzione agli 1,6 milioni di elettori nati fuori della Catalogna – quindi non tutti effettivamente “catalani” – ma residenti in Catalogna, che potrebbero essere decisivi. Di questi, 1.372.216 sono spagnoli e 293.012 sono stranieri con diritto di voto: i dati sulle loro posizioni politiche risalgono a due anni fa, quando la maggior parte si era dichiarata a favore del processo di indipendenza. Nell’indipendenza vedevano la possibilità di ricominciare come cittadini alla pari degli altri.

Il parlamento catalano aveva annunciato il referendum alla fine del 2013 basandolo su una dichiarazione di sovranità approvata un anno prima, che però la Corte Costituzionale aveva in seguito dichiarato illegittima. Nel novembre del 2014 si era svolto un referendum “informale” e circa l’80 per cento dei votanti si era espresso a favore dell’indipendenza dal governo della Spagna. Gli organizzatori della consultazione avevano detto che avevano partecipato circa due milioni di persone, con un’affluenza stimata al 35,9 per cento. La consultazione non aveva avuto comunque alcun valore legale, Mas aveva cominciato a perdere sostegno al Parlamento e il dialogo a livello istituzionale con il partito del premier Mariano Rajoy non aveva portato ad alcuna proposta o accordo per una soluzione politica della crisi. Mas aveva dunque deciso di anticipare le elezioni e di cercare una nuova legittimità al suo progetto.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.