(Marcus Brandt/picture-alliance/dpa/AP Images)
  • Sport
  • venerdì 25 settembre 2015

C’è un’indagine su Blatter in Svizzera

Il presidente della FIFA è indagato per dei pagamenti sospetti fatti a Michel Platini, presidente UEFA, ex collaboratore di Blatter e candidato alla sua successione

(Marcus Brandt/picture-alliance/dpa/AP Images)

Aggiornamento di domenica 27 settembre: diversi giornali internazionali hanno scritto che Sepp Blatter e Michel Platini sono sotto indagine del Comitato etico della FIFA a causa dell’inchiesta aperta dal procuratore generale svizzero nei confronti di Blatter per gestione fraudolenta e appropriazione indebita. Nel caso è coinvolto anche Platini, che nel 2011 ha ricevuto un pagamento da Blatter di circa due milioni di euro. Platini non è però formalmente indagato dalle autorità svizzere. Nel caso la notizia dell’inchiesta del Comitato etico sia vera, sia Blatter sia Platini rischiano una sospensione dalla FIFA, cosa che impedirebbe a Platini di candidarsi ufficialmente a presidente FIFA come ha annunciato di voler fare due mesi fa.

***

Sepp Blatter, presidente FIFA, è indagato in Svizzera dal pomeriggio del 25 settembre: il procuratore generale della Svizzera ha detto di aver aperto un’indagine nei confronti di Sepp Blatter, che è accusato di gestione fraudolenta e appropriazione indebita. Blatter è sospettato di aver pagato delle tangenti a Michel Platini, attuale presidente dell’UEFA (l’insieme delle federazioni calcistiche europee) e di aver venduto dei diritti televisivi per un prezzo inferiore al loro valore. La FIFA ha commentato la notizia con un comunicato stampa in cui spiega di aver pienamente collaborato all’indagine.

Alcuni mesi fa Blatter – che ha 79 anni e guida la FIFA dal 1988 – era stato rieletto per la quinta volta e pochi giorni dopo aveva annunciato di volersi dimettere a causa delle indagini sulla corruzione nella FIFA, la federazione che regola e governa il calcio mondiale. Blatter ha annunciato di volersi dimettere, ma tecnicamente non si è mai dimesso: aveva infatti spiegato che si sarebbe dimesso solo durante un congresso straordinario della FIFA, che si terrà nel febbraio 2016.

Prima della notizia di un’indagine nei suoi confronti Blatter aveva partecipato a Zurigo, in Svizzera, a una riunione dell’Executive Committee della FIFA, a seguito della quale è stato interrogato. L’Executive Committee, iniziato due giorni fa, aveva deciso, tra le altre cose, le date di inizio e fine dei Mondiali di calcio del 2022 (saranno i primi a giocarsi d’inverno: dal 21 novembre al 18 dicembre). Nel pomeriggio, prima della notizia dell’indagine, era stata annullata all’ultimo minuto e senza spiegazioni una conferenza stampa di Blatter.

Per cosa è indagato Sepp Blatter
Nel pomeriggio del 25 settembre è stato perquisito l’ufficio di Blatter nel quartier generale della FIFA, a Zurigo, e Michel Platini è stato interrogato in quanto “persona informata sui fatti”. Il procuratore generale svizzero Michael Lauber ha spiegato che al centro dell’indagine c’è un pagamento di quasi due milioni di euro fatto da Blatter a Platini nel febbraio 2011. Blatter avrebbe pagato Platini con dei soldi FIFA e sembra che il pagamento fosse relativo agli anni in cui Platini è stato assistente speciale di Blatter, dal gennaio 1999 al giugno 2002. Lauber ha anche detto che Blatter è indagato per un contratto fatto nel 2005 alla CFU (l’unione calcistica dei Caraibi), che allora era presieduta da Jack Warner. Si pensa che il pagamento riguardasse dei diritti televisivi, venduti per un prezzo inferiore rispetto al loro effettivo valore.

Le indagini sulla FIFA
La FIFA è stata negli ultimi mesi coinvolta da indagini che riguardano la sospetta corruzione di alcuni suoi importanti dirigenti ma fino ad ora Blatter non era mai stato indagato. Il 29 maggio Sepp Blatter era stato eletto presidente della FIFA per la quarta volta consecutiva; il 2 giugno Blatter aveva però annunciato di volersi dimettere (a causa delle inchieste), non prima però di aver organizzato un congresso straordinario della FIFA. Il congresso si terrà il 26 febbraio 2016. La FIFA è da alcuni mesi al centro di due importanti inchieste: una statunitense e l’altra svizzera. Fino a prima dell’indagine nei confronti di Blatter l’inchiesta statunitense sembrava essere quella più importante: era quella l’inchiesta che aveva portato all’arresto di alcuni dirigenti FIFA.

I rapporti di Platini e Warner con Blatter
Michel Platini, ex calciatore e allenatore, è presidente dell’UEFA dal 2007 e in passato è stato per alcuni anni consigliere speciale di Blatter. Il 29 luglio Platini aveva annunciato di volersi candidare ufficialmente a capo della FIFAJack Warner è un politico, uomo d’affari, ex vice presidente della FIFA ed ex presidente della CONCACAF, la confederazione calcistica dell’America del nord, centrale e caraibica. Warner è di Trinidad e Tobago, uno stato insulare dell’America Caraibica, e negli ultime mesi è stato – insieme a Sepp Blatter – la persona più nominata e discussa quando si parla della FIFA.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.