(AP Photo/Petros Giannakouris)

La lettera di Renzi sui migranti

Il presidente del Consiglio italiano ha scritto a Repubblica sulle scene viste in questi giorni e chiede di "superare Dublino" sulle quote di accoglienza

(AP Photo/Petros Giannakouris)

Matteo Renzi, presidente del Consiglio italiano, ha scritto in una lettera pubblicata oggi sulla prima pagina del quotidiano Repubblica, che sull’accoglienza nei confronti dei migranti i paesi dell’Unione Europea devono fare di più e “superare Dublino” ovvero le regole concordate finora.

Caro Direttore, all’improvviso tutti, proprio tutti, si sono accorti di ciò che stava accadendo. E davanti alla tragedia hanno capito che non c’era più modo di girarsi dall’altra parte. Non so se è stato un singolo evento: il tunnel di Calais, il TIR in Austria, la foto spezzacuore del piccolo Aylan in Turchia. So che nel giro di qualche giorno è cambiato tutto.
Per noi italiani è stato come quando stai guardando un film sull’iPad. Solo che hai le cuffie. E, dunque, soltanto tu stai vedendo e sentendo ciò che passa sullo schermo. All’improvviso ti staccano le cuffie. Tutta la stanza è improvvisamente invasa dal rumore. Non sei più solo. Ma questo non è un film. Sono donne, bambini, anziani. Uccisi; affogati dai trafficanti di uomini. Ne abbiamo visti a decine morire nel Mediterraneo. E ne abbiamo salvate a migliaia di vite con la Marina Militare, la Guardia Costiera, il nostro volontariato.

(continua a leggere su Repubblica)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.