• Mondo
  • giovedì 10 settembre 2015

Le foto delle alluvioni in Giappone

A nord di Tokyo circa 100mila persone sono state evacuate e alcune stanno aspettando i soccorsi sui tetti di auto e case: ci sono sette dispersi

Due persone dentro a una casa alluvionata a Joso, in provincia di Ibaraki, a nordest di Tokyo (Kyodo News via AP)

Negli ultimi due giorni diverse province a nord di Tokyo, in Giappone, sono state interessate da intensi temporali che si sono formati in seguito alla dispersione di un ciclone tropicale. I temporali hanno causato alluvioni e disagi ai trasporti e alle comunicazioni. Secondo Weather Channel sette persone risultano ancora disperse, l’agenzia governativa del Giappone per il controllo delle emergenze ha detto che ci sono almeno 22 feriti. Le persone che hanno dovuto abbandonare le loro abitazioni sono circa 100mila e BBC scrive che alcune decine di persone sono ancora bloccate nelle loro abitazioni, in attesa di soccorsi. Takuya Deshimaru, il capo dei meteorologi dell’agenzia meteorologica giapponese, ha detto durante una conferenza stampa che i temporali in corso «sono di una gravità che non abbiamo mai sperimentato prima d’ora».

Le province più colpite sono quelle di Ibaraki e Tochigi. A Joso, nella provincia di Ibaraki, il fiume Kinugawa è esondato e ha allagato e trascinato via decine di case, costringendo diverse persone ad aspettare i soccorsi sui tetti delle abitazioni o delle automobili. Secondo i media giapponesi a Kanuma, in provincia di Tochigi, una persona è dispersa dopo che una frana ha colpito una casa. A Nikko, sempre in provincia di Tochigi, un albergo è crollato da un’altura a causa delle alluvioni. In totale 90mila persone della provincia di Tochigi hanno lasciato le loro case. L’agenzia meteorologica giapponese ha detto che le piogge dureranno probabilmente fino a venerdì mattina.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.