• Cultura
  • mercoledì 19 agosto 2015

Cos’è “Straight Outta Compton”

È un film che sta andando benissimo negli Stati Uniti – racconta la storia del gruppo gangsta rap N.W.A. – e anche un meme in cui forse vi siete imbattuti

Il 14 agosto è uscito negli Stati Uniti Straight Outta Compton, un film diretto dal regista F. Gary Gray (quello di The Italian Job) che racconta la storia – nascita, ascesa, discesa e scioglimento – dei N.W.A., un importante gruppo rap di fine anni Ottanta e inizio anni Novanta. Il film uscirà in Italia a ottobre e nell’ultimo weekend se n’è molto parlato negli Stati Uniti: è costato 26 milioni di euro e solo nei suoi primi giorni nei cinema ne ha incassati circa il doppio.

Il film è stato il più visto del weekend negli Stati Uniti e in pochi avevano previsto che questo sarebbe successo, anche perché Straight Outta Compton – ricco di immagini e dialoghi violenti – è stato vietato ai minori di 17 anni non accompagnati da un adulto (una restrizione che di solito impedisce grandissimi successi). Oltre al grande successo di pubblico, Straight Outta Compton è stato apprezzato anche da parte della critica cinematografica. Il sito IMDB, che fa una media tra le recensioni dei critici professionisti, da al film una valutazione di 72 su 100; i normali utenti gli hanno dato in media 8,4 su 10. Su Rotten Tomatoes, sito famoso per premiare i film di qualità più che i blockbuster, Straight Outta Compton ha una valutazione media di 89 su 100. Si dice addirittura che il film ambisca a ricevere alcune importanti nomination per gli Oscar.

N.W.A. è un acronimo di “Niggaz Wit Attitudes” e il gruppo, oggi sciolto, era composto da quattro rapper e un DJ. I due più famosi membri dei N.W.A. sono stati Ice Cube – che oggi ha 46 anni ed è stato, oltre che rapper, produttore, regista e attore – e Dr. Dre, rapper, produttore e imprenditore. Dr. Dre è stato considerato per anni il “padre nobile” di gran parte della scena rap statunitense: è per esempio lui che ha lanciato Eminem. Sia Ice Cube che Dr. Dre sono tra i produttori del film, in cui Ice Cube è tra l’altro interpretato dal rapper O’Shea Jackson, suo figlio.

I N.W.A. sono stati il più importante gruppo nella storia del gangsta rap, un sottogenere del rap in cui ricorrono spesso temi legati al mondo criminale – sesso, droga, armi – e testi violenti, rabbiosi e spesso dichiaratamente avversi alle istituzioni e alle forze dell’ordine. Il gangsta rap però si è affermato nel tempo anche come forma musicale di denuncia, capace di descrivere i problemi del razzismo e della discriminazione dei neri statunitensi. Compton è una città vicino a Los Angeles, famosa per il suo alto tasso di criminalità; Straight Outta Compton (“dritto fuori da Compton”) è – oltre che titolo del film – il titolo del secondo e più importante album dei N.W.A. e di una delle più note canzoni di quell’album, insieme a Fuck Tha Police.

Per i temi che tratta – reazione al razzismo, avversione alla polizia – Straight Outta Compton si è fatto notare soprattutto perché negli ultimi mesi negli Stati Uniti si è molto parlato di neri, razzismo e polizia. Secondo alcuni Straight Outta Compton cavalca volutamente ed eccessivamente una situazione sociale antica, vasta e complicata (iniziata con l’uccisione a Ferguson di Darren Wilson), secondo altri è semplicemente un buon film – ottimo per alcuni – capace di raccontare una bella storia, significativa e rilevante dal punto di vista musicale e sociale.

Mentre si dibatte di tutto questo negli Stati Uniti si è diffuso un meme che fa la parodia dell’attitudine gangsta del film (della sua locandina), del gruppo e della sua canzone più famosa: usando un generatore di meme, anziché “Compton” alle parole “Straight Outta” viene fatto seguire il nome di un luogo diverso. Partito negli Stati Uniti lo “Straight Outta” meme è poi arrivato anche in Italia, e si è adattato su contesti di vario tipo.
Qualche esempio del meme su Straight Outta Compton:

Il video musicale di Straight Outta Compton ricreato dentro GTA V, il popolare videogioco in cui si interpreta un criminale:

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.