(Chris Jackson/Getty Images)
  • Mondo
  • sabato 15 Agosto 2015

La lettera della famiglia reale britannica contro i paparazzi

Nella quale c'è scritto che "è stato superato il limite", riferendosi alle pratiche sempre più aggressive e pericolose usate per fotografare il principe George

(Chris Jackson/Getty Images)

Il 14 agosto Jason Knauf – segretario della comunicazione della famiglia reale del Regno Unito – ha scritto una lettera in cui accusa i paparazzi britannici di usare pratiche scorrette e pericolose per cercare di ottenere fotografie del principe George, il figlio del principe William e di sua moglie Kate Middelton. George è nato il 22 luglio 2013, è il primogenito di William e Kate e dal 3 maggio 2015 ha una sorella: Charlotte Elizabeth Diana. Nella lettera Knauf ha spiegato che i paparazzi usano “tattiche sempre più pericolose” per scattare fotografie del principe George: alcuni paparazzi hanno addirittura usato altri bambini come “esca” per attirare il principe George in un luogo in cui fosse possibile fotografarlo.

Knauf ha anche scritto che i paparazzi e i loro atteggiamenti sospetti rischiano di essere fraintesi da chi si occupa della sicurezza della famiglia reale: i paparazzi potrebbero infatti essere scambiati per attentatori. «Gli incidenti stanno diventando sempre più frequenti e le tattiche usate sempre più preoccupanti. È stato superato il limite e ogni futura esagerazione rappresenterà un reale rischio per la sicurezza», ha scritto Knauf. Per il tono con cui è scritta, il Guardian ha detto che si tratta di una lettera “senza precedenti“. La lettera spiega anche che i paparazzi hanno anche inseguito le auto su cui si trovava il principe George e il Guardian ricorda che nel 1997 la morte della principessa Diana fu causata proprio dal suo tentativo di “seminare” dei paparazzi.

Nella lettera c’è anche un breve elenco di alcune cose che i paparazzi britannici hanno fatto negli ultimi mesi:

• In più occasioni hanno usato teleobiettivi per scattare fotografie della duchessa Kate Middelton mentre giocava con suo figlio George all’interno di parchi privati
• Hanno monitorato i movimenti del principe George e della sua balia per i parchi di Londra
• Hanno fotografato i figli di privati cittadini che si trovavano a casa del principe William e di Kate Middelton per giocare con George
• Hanno inseguito automobili
• Hanno usato altri bambini per “attirare” il principe George verso gli obiettivi
• Sono stati scoperti all’interno di campi, prati e boschi della proprietà private della famiglia reale a Norfolk, in Inghilterra
• Si sono nascosti tra le dune di sabbia per scattare immagini del principe George e di sua nonna
• Sorvegliano ininterrottamente alcuni luoghi frequentati dalla famiglia di Kate Middelton, in Berkshire, in Inghilterra