(AP Photo/Darko Vojinovic)
  • Mondo
  • giovedì 16 luglio 2015

Le prime foto del muro tra Ungheria e Serbia

L'esercito ungherese ha cominciato a costruirlo usando una rete metallica e del filo spinato, servirà per fermare i migranti che entrano illegalmente nel paese

(AP Photo/Darko Vojinovic)

L’Ungheria ha cominciato la costruzione del muro lungo il confine con la Serbia per fermare i migranti che cercano di entrare illegalmente in territorio ungherese. Il ministro degli Esteri dell’Ungheria, Peter Szijjarto, aveva annunciato la costruzione del muro qualche settimana fa spiegando che negli ultimi anni il numero di migranti entrati illegalmente nel paese è aumentato molto e che l’Ungheria non è più in grado di sostenere i costi legati alla loro accoglienza. Quando sarà completato, il muro sarà lungo circa 175 chilometri e alto 4 metri: sarà formato da una rete metallica e filo spinato. Alla costruzione del muro, ha spiegato il governo ungherese, lavoreranno circa 900 persone, per lo più personale dell’esercito.

Secondo il dipartimento del governo ungherese che si occupa di immigrazione, nel 2015 sono entrate illegalmente in territorio ungherese circa 57mila persone, soprattutto attraverso i Balcani e provenienti da Afghanistan, Siria e Pakistan: entrare in Ungheria permette ai migranti di entrare in Unione Europea e beneficiare poi delle regole molto più elastiche sulla libera circolazione di persone in vigore grazie agli accordi di Schengen. Quello dell’Ungheria non è l’unico muro costruito per fermare i migranti che cercano di entrare in Europa: pochi mesi fa anche la Bulgaria ha iniziato la costruzione di un muro sul confine con la Turchia e la Grecia ne ha già costruito uno sempre sul confine con la Turchia.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.