Yanis Varoufakis, Atene, 1 luglio 2015 (AP Photo/Daniel Ochoa de Olza)

Se vincerà il Sì Varoufakis si dimetterà

Yanis Varoufakis, Atene, 1 luglio 2015 (AP Photo/Daniel Ochoa de Olza)

Intervistato da un giornalista di Bloomberg TV, il ministro delle Finanze greco Yanis Varoufakis – parlando dell’attuale crisi della Grecia e del referendum di domenica 5 luglio per chiedere ai cittadini e alle cittadine greche se accettare o meno il piano proposto dai creditori internazionali – ha fatto capire che se vincerà il Sì si dimetterà. Ha spiegato che la proposta della scorsa settimana della cosiddetta “troika” tornerà sul tavolo nei negoziati dopo domenica se il popolo greco voterà Sì, quindi a favore del piano stesso: e ha aggiunto che non sarà però disposto a firmare un accordo che non affronta questioni vitali come la sostenibilità del debito. Senza un accordo che preveda la ristrutturazione del debito, ha spiegato che non firmerà alcun accordo.

A quel punto il giornalista di Bloomberg Guy Johnson ha insistito su questo punto chiedendo:

Sta dicendo che se ci sarà una vittoria del Sì domenica, lunedì sera lei non sarà più ministro delle Finanze?
«Non lo sarò. Ma lavorerò con chi lo sarà».

Varoufakis ha comunque dichiarato di essere fiducioso che il popolo greco voterà No.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.