• Mondo
  • venerdì 12 giugno 2015

La vita rovinata da una notizia falsa

Una vecchia storia circolata molto online – "ubriaco vestito da Babbo Natale si schianta con la slitta" – era falsa e ha causato molti problemi ai suoi protagonisti

Un lungo articolo pubblicato da BuzzFeed ha smontato una storia pubblicata nel dicembre del 2013 da vari siti di news internazionali riguardo un presunto incidente stradale causato da un uomo ubriaco vestito da Babbo Natale, in Polonia. L’articolo è stato scritto da , un giornalista di BuzzFeed che ha intervistato le persone coinvolte nella storia raccogliendo diverse smentite riguardo la forma in cui circolò all’epoca. Una dei risvolti più gravi della vicenda, ha spiegato BuzzFeed, è stato che a causa della storia falsa una piccola azienda polacca ha ottenuto diversa cattiva pubblicità, mentre un uomo coinvolto nella vicenda si è rifiutato di uscire di casa per circa due mesi a causa dell’imbarazzo.

Alla fine di dicembre del 2013 diversi siti di news inaffidabili – fra cui il sito del tabloid Daily Mail, l’edizione britannica dello Huffington Post e il sito del tabloid Daily Mirror – riportarono che un uomo vestito da Babbo Natale e una donna vestita come la sua “assistente” avevano sfasciato la propria slitta contro un muro di una piccola città polacca, Ustrzykach Dolnych. Poco prima, spiegavano i vari siti di news, i due si erano comportati come se fossero ubriachi per le strade della città: a sostegno di questa ipotesi venivano citate le testimonianze di un uomo chiamato Zdzislaw Mołodyński, una donna del posto e un portavoce della polizia locale. La storia era la classica notizia troppo bella per essere vera – un Babbo Natale ubriaco che sfascia la slitta in Polonia – e c’erano anche delle foto dell’uomo vestito da Babbo Natale a terra. Peccato che fosse completamente falsa: Mołodyński ha negato di aver mai parlato con la polizia, la portavoce della polizia ha negato di avere mai parlato con la stampa e il rapporto sull’accaduto mostra che le due persone in costume non erano ubriache al momento dell’incidente.

La vicenda, inoltre, si lega a un’altra importante inchiesta di BuzzFeed: White è riuscito a ricostruire che la versione della storia apparsa sui siti di news internazionali è stata scritta dalla Central European News (CEN), un’agenzia nota per esagerare e aggiungere dettagli inventati a notizie che trova in giro per il mondo (l’inchiesta di BuzzFeed sulla Central European News si intitola La regina delle stronzate sui giornali) e che vengono spesso riprese da giornali internazionali desiderosi di pubblicare articoli sullo stile “strano ma vero”, che attirano interesse e clic dei lettori.

Cos’è successo
Robert e Iwona Woch sono una coppia sposata di Brzegi Dolne, un paese polacco nei pressi di Ustrzyki Dolne, una città di circa 10mila abitanti vicino al confine con l’Ucraina: un posto molto piccolo, rurale e conservatore. I Woch possiedono una piccola tenuta dove allevano tre cavalli, che utilizzano per organizzare gite turistiche nei dintorni a bordo di una carrozza. Per il 22 dicembre avevano organizzato un’iniziativa particolare: avevano in programma di vestirsi come Babbo Natale e la sua “assistente” e andare in giro per il mercato di Ustrzyki Dolne a distrubire dolci ai bambini (facendo così un po’ di pubblicità alla loro attività principale).

A causa di una deviazione del tragitto non prevista, la slitta finta su cui viaggiavano finì per sbattere contro un pezzo di ghiaccio al bordo della strada, e andò addosso al cavallo che la trainava. A quel punto il cavallo si imbizzarrì e cominciò a correre per la strada principale di Ustrzyki Dolne. Robert e Iwona Woch caddero fuori dalla slitta, finendo sulla strada: Robert non si fece quasi niente, mentre Iwona svenne e fu ricoverata in ospedale a causa di una commozione cerebrale. Zdzislaw Mołodyński, un uomo del posto che era presente al momento dell’incidente, scattò alcune foto dell’incidente e le caricò su un sito gestito dalla TVN, una delle più grosse televisioni commerciali polacche. Dorota Głazowska, la portavoce della polizia, confermò ad alcuni giornalisti locali che c’era stato un incidente causato da un cavallo.

Mołodyński ha raccontato a BuzzFeed di essere andato a dormire come se niente fosse. Il giorno successivo un suo amico gli chiese in maniera brusca cosa si era messo in testa. Il Daily Mail, uno dei siti di news più letti del pianeta, aveva appena pubblicato un articolo sull’incidente avvenuto il giorno prima intitolato: «È possibile guidare una slitta da ubriachi? Babbo Natale e la sua assistente hanno sbattuto contro il muro di un paese mentre guidavano in stato di ebbrezza». Racconta BuzzFeed:

L’articolo spiegava che «Babbo Natale e la sua assistente sono stati accusati di guida in stato di ebbrezza» e che la coppia «ha perso il controllo del loro cavallo in un’affollata strada di Ustrzykach Dolnych [il vero nome della città è Ustrzyki Dolne]». Proseguiva raccontando che la polizia stava «considerando la possibilità di incriminare la coppia», che in teoria avrebbe dovuto «accogliere bambini ansiosi di dimostrare quanto fossero stati buoni, quell’anno».

L’articolo del Daily Mail conteneva anche tre foto scattate da Mołodyński raffiguranti la slitta e Robert Woch a terra dopo l’incidente, oltre a una sua testimonianza citata fra virgolette in cui spiegava che i due Woch erano «chiaramente ubriachi, e si stavano comportando come se fossero appena usciti da un nightclub o una cosa del genere. È stato un misto di “oh, oh, oh” e “no, no, no”». Veniva citata anche una dichiarazione di Dorota Głazowska secondo cui la polizia stava considerando l’ipotesi di incriminare i due Woch.

Mołodyński ha spiegato a BuzzFeed di non avere parlato coi giornalisti, e soprattutto di non sapere l’inglese, rendendo improbabile la rima citata nella sua dichiarazione fra “oh” e “no”. Mołodyński ha anche detto a BuzzFeed di avere un problema all’olfatto per ragioni allergiche, motivo per cui non poteva sapere se i Woch fossero davvero ubriachi o meno. Poco dopo aver letto la notizia sul Daily Mail grazie a un traduttore, Mołodyński l’aveva postata sulla propria pagina Facebook spiegando di essere stato frainteso. La cosa ha però peggiorato la sua situazione: come scrive BuzzFeed «in Polonia ci sono leggi sui media molto severi: per un giornale è obbligatorio ottenere l’autorizzazione di una persona di cui si vuole pubblicare una dichiarazione. Il pensiero che una dichiarazione possa essere distorta o inventata dai giornali è difficile da accettare, per i polacchi».

A causa dell’imbarazzo Mołodyński ha detto a BuzzFeed di non essere uscito di casa fino al febbraio del 2014 – «nemmeno per andare a fare la spesa» – e che la prima volta che è uscito di casa è stato insultato. Anche i Woch non ne sono usciti bene, da questa storia: hanno ancora la loro piccola attività di turismo ma hanno ricevuto molta cattiva pubblicità, che ha danneggiato i loro affari, e sono anche arrabbiati con Mołodyński, che a loro dire li ha contattati riguardo alla storia molto tardi.

Diversi siti di news che avevano pubblicato la storia l’hanno tardicamente rimossa o corretta, anche a causa di una denuncia fatta da Mołodyński alla Britain’s Press Complaints Commission (PCC), un organo indipendente e interno all’editoria britannica che si occupava di etica del giornalismo (nel 2014 è stata sostituita dalla Independent Press Standards Organisation, che ha una struttura simile). Lo Huffington Post ha dovuto spiegare alla PCC che la notizia della presunta guida in stato di ebbrezza di Woch era stata data dalla polizia a un corrispondente della Central European News, già nota da mesi per inventare o esagerare notizie che poi finiscono nei siti dei tabloid o nei “boxini morbosi” (qui una lunga serie di storie false pubblicate dalla CEN). Lo stesso corrispondente, sempre secondo la testimonianza dello Huffington Post alla PCC, ha detto che le tutte le testimonianza riportate negli articoli pubblicati dai siti di news erano contenuti nel sito di TVN assieme alle foto di Mołodyński: secondo BuzzFeed, in realtà, questo è «estremamente improbabile», dato che la TVN ha ripreso le foto pubblicate da Mołodyński solo due ore dopo che l’uomo le aveva postate, riportando la stessa versione dei fatti che ne hanno dato le altre persone coinvolte nell’incidente. La Central European News ha rifiutato di commentare la vicenda con BuzzFeed.

Luca Sofri sulle notizie false per cui si muore

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.