Milano, il 2 agosto 2003 (ALDO MARTINUZZI/LAPRESSE)

Andare a Expo in tram

Il 12 e il 19 arrivano all'ingresso Est, e costa meno di prendere la metro

Milano, il 2 agosto 2003 (ALDO MARTINUZZI/LAPRESSE)

Molte delle persone che visitano Expo hanno deciso finora di muoversi con i mezzi pubblici per arrivare a Rho, anche perché pare che andare in macchina non sia facile per niente. Non molti sanno però che oltre alla metropolitana, che ferma a Rho Fiera e lascia i visitatori proprio davanti all’entrata Ovest Triulza, a Expo ci arrivano anche due tram: il 19 e il 12 fanno capolinea di fronte all’ospedale Sacco, in via Giovanni Battista Grassi.

Dall’ospedale c’è poi un ponte pedonale che porta le persone direttamente davanti all’ingresso Est Roserio, dalla parte opposta del Decumano rispetto all’ingresso più utilizzato: è probabile trovare meno coda da questa parte, oltre che inizialmente meno fila per visitare i padiglioni che – per la maggior parte delle persone che entrano dall’ingresso Triulza – si trovano in fondo al percorso. Inoltre il biglietto della metro che arriva a Rho costa 2,50 euro perché viene considerata come tratta extra-urbana, mentre se si prende il tram il biglietto costa 1,50 euro come al solito.

Tutte e due le linee di tram attraversano la città e sono quindi facili da trovare in giro. Il 12 inizia il suo percorso da viale Molise, e percorre il centro effettuando fermate in tutti i punti “strategici” di Milano: da Piazza Cinque Giornate al Duomo, da Brera a via Procaccini, passando attraverso Piazza Firenze e arrivando al capolinea in via Grassi. Il 19 fa le fermate nella parte ovest della città, parte da Piazza Ventiquattro Maggio, passa da Porta Genova e continua lungo via Vigevano, Conciliazione, Domodossola e Corso Sempione.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.