(AP Photo/Shirley Bahadur, File)
  • Sport
  • venerdì 29 Maggio 2015

Le foto di Jack Warner, ex vicepresidente FIFA, che balla dopo l’arresto

È stato arrestato mercoledì per corruzione, giovedì è stato rilasciato per motivi di salute: poi la sera l'hanno visto ballare

(AP Photo/Shirley Bahadur, File)

L’ex vicepresidente della FIFA Jack Warner, arrestato mercoledì nell’ambito di un’inchiesta federale degli Stati Uniti sulla corruzione dentro alla FIFA, è stato fotografato mentre balla e partecipa a una manifestazione politica poche ore dopo essere stato rilasciato di prigione per motivi di salute.

Warner era stato arrestato mercoledì dopo essersi consegnato spontaneamente alla autorità di Trinidad e Tobago, il paese di cui è cittadino, ed era stato portato nella prigione di Port of Spain, la capitale del paese. La cauzione era stata fissata a 2,5 milioni di dollari di Trinidad e Tobago (circa 360mila euro). Giovedì 28 maggio però Warner ha detto alla polizia di essere eccessivamente stanco e dalla prigione è stato trasportato a un ospedale locale. Poche ore dopo è stato però visto a una manifestazione politica del Partito Liberale, di cui fa parte: indossava una maglietta verde, una corona di fiori e ballava con altri partecipanti alla manifestazione. In tutto questo non è nemmeno chiaro se Warner abbia pagato o meno la cauzione: il Guardian ha scritto che ci sono stati dei «ritardi» nella gestione della sua pratica.

Durante la manifestazione, Warner ha detto: «Se ho sottratto soldi alla FIFA per trent’anni, chi me li ha dati? Com’è possibile che questa persona non sia stata accusata? Perché sono state arrestate solo persone provenienti dal Terzo Mondo?». Warner ha 72 anni e dal 1990 al 2011 è stato il presidente della CONCACAF, la confederazione calcistica che ha giurisdizione sugli stati nordamericani e caraibici. Dal 1997 al 2011 è stato anche vicepresidente della FIFA, che ha lasciato nel 2011 in seguito a uno scandalo di corruzione. Warner negli Stati Uniti è accusato di otto capi di accusa, fra cui truffa e riciclaggio. Assieme a lui sono indagate altre tredici persone.