• postit
  • martedì 19 Maggio 2015

In Afghanistan 11 poliziotti sono stati condannati a un anno di prigione per non aver protetto una donna uccisa dalla folla a Kabul lo scorso 19 marzo

In Afghanistan, undici poliziotti sono stati condannati a un anno di prigione per non aver protetto una donna uccisa dalla folla per linciaggio a Kabul lo scorso 19 marzo. All’inizio di maggio un tribunale aveva condannato a morte altre quattro persone. Nel processo sono imputate in totale 49 persone, tra cui 19 agenti di polizia.

La donna – identificata solo con il nome di Farkhunda – aveva 28 anni. Il 19 marzo era stata picchiata a morte vicino a una delle più conosciute moschee del centro di Kabul. Il suo corpo era stato trascinato da una macchina, poi bruciato e gettato nel fiume (ci sono diversi video girati con i cellulari che testimoniano quanto accaduto). Era stata ingiustamente accusata da un mullah di avere bruciato alcune pagine di una copia del Corano, ma non c’era alcuna prova – è stato detto ufficialmente – a sostegno di questa tesi. Un poliziotto che aveva assistito alla scena aveva dichiarato che Farkhunda stava semplicemente discutendo con il mullah la pratica di incoraggiare le donne a spendere denaro per amuleti venduti dai mullah stessi al tempio. Dopo essere stata accusata di aver bruciato il Corano, lei aveva negato. Nel frattempo, sempre più persone erano state attratte dalla lite, la polizia aveva cercato di respingerle, ma ormai erano fuori controllo». L’uccisione aveva portato a molte proteste.

Questo è un post della categoria PostIt, che rimanda direttamente alla fonte originale della notizia dalla homepage del Post.

Se siete arrivati su questa pagina attraverso i feed RSS o dai social network, potete leggere il contenuto di questa notizia sulla fonte originale cliccando sul titolo qui sopra.
Qui c'è l'elenco di tutti gli ultimi PostIt.