• Cultura
  • Questo articolo ha più di sette anni

Una scena di “The Tribe”

Il film che ha vinto il premio della critica l'anno scorso a Cannes, su una scuola per ragazzi sordomuti in Ucraina: esce il 28 maggio

Giovedì 28 maggio uscirà il film The Tribe del regista ucraino Myroslav Slaboshpytskiy: è il suo primo film e ha vinto il premio della critica l’anno scorso al Festival di Cannes. La storia parla di Sergey, un ragazzo ucraino sordomuto in un istituto per ragazzi come lui. La vita dei ragazzi dell’istituto è caratterizzata da violenza e prostituzione: Sergey si adegua a questo ambiente e si guadagna la fiducia dei compagni di scuola, finché si innamora però di una delle ragazze che vengono fatte prostituire, Anya.

Il regista Slaboshpytskiy si era già occupato di sordomuti in un cortometraggio del 2010, Deafness, che considera«una sorta di lavoro preparatorio» al film The Tribe. Per il film sono stati usati solo attori sordomuti e spesso non professionisti. In questa scena si vedono due ragazze, tra cui Anya, ottenere da un altro ragazzo due passaporti in uno scantinato della palestra della scuola.