• Mondo
  • mercoledì 13 Maggio 2015

Il Vaticano ha riconosciuto la Palestina

In un trattato concluso mercoledì tra Santa Sede e governo palestinese si parla per la prima volta di "Stato di Palestina", e non più di OLP

Aggiornamento di venerdì 26 giugno – Il Vaticano e lo Stato di Palestina hanno firmato un accordo che riguarda la vita e l’attività della Chiesa in Palestina. E si tratta del primo accordo dopo il riconoscimento ufficiale dello Stato palestinese da parte della Santa Sede di cui si era già parlato lo scorso maggio. Erano presenti monsignor Paul Richard Gallagher, segretario per i Rapporti con gli Stati, cioè il ministro degli Esteri del Vaticano, e Riad al-Malki, ministro degli Affari esteri dello Stato di Palestina.

L’accordo, si legge nel comunicato congiunto, «fa seguito all’Accordo base tra la Santa Sede e l’Organizzazione per la liberazione della Palestina (Olp), firmato il 15 febbraio 2000, ed è frutto dei negoziati di un’apposita Commissione bilaterale che ha lavorato a diversi livelli negli ultimi anni con dedizione e competenza in un clima di grande cordialità». Il documento è costituito da un preambolo e da 32 articoli distribuiti in 8 capitoli e «riguarda aspetti essenziali della vita e dell’attività della chiesa nello Stato di Palestina, riaffermando nello stesso tempo il sostegno per una soluzione negoziata e pacifica della situazione nella regione». L’accordo entrerà in vigore una volta che entrambe le parti avranno notificato che sono stati soddisfatti i requisiti costituzionali o interni perché entri in vigore.

***

Mercoledì il Vaticano ha riconosciuto ufficialmente lo stato palestinese, nominandolo per la prima volta in un trattato bilaterale. Il Vaticano aveva già aderito alla decisione presa nel 2012 dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite, in cui si promuoveva la Palestina da “entità non statuale” a “stato osservatore non membro”. Il trattato di oggi è comunque il primo documento legale in cui il Vaticano parla di “Stato di Palestina” anziché di “Organizzazione per la Liberazione della Palestina” (OLP): si tratta di fatto di un riconoscimento ufficiale. Domenica prossima il presidente palestinese Mahmoud Abbas e Papa Francesco si incontreranno in Vaticano, prima della messa di canonizzazione di due suore nate in Palestina nell’Ottocento.

Come ha spiegato all’Osservatore romano Monsignor Antoine Camilleri, a capo della delegazione del Vaticano che ha partecipato alla riunione bilaterale:

«Il 29 novembre 2012 è stata adottata da parte dell’Assemblea generale dell’Onu la risoluzione che riconosce la Palestina quale Stato osservatore non membro delle Nazioni Unite, e lo stesso giorno la Santa Sede, che ha anch’essa lo status di osservatore presso l’Onu, ha pubblicato una dichiarazione. Questa ha accolto con favore il risultato della votazione, inquadrata nei tentativi di dare una soluzione definitiva, con il sostegno della comunità internazionale, alla questione già affrontata con la risoluzione 181 del 29 novembre 1947 dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite, la quale prevedeva la creazione di due Stati, di cui finora uno solo ha visto la luce. Si segnalava, inoltre, che si poteva rispondere adeguatamente ai problemi esistenti nella regione solo impegnandosi effettivamente a costruire la pace e la stabilità nella giustizia e nel rispetto delle legittime aspirazioni, tanto degli israeliani quanto dei palestinesi, con la ripresa in buona fede dei negoziati. Il riferimento allo Stato di Palestina e quanto affermato nell’accordo sono dunque in continuità con quella che è stata allora la posizione della Santa Sede».

Camilleri ha anche detto che:

«Anche se in modo indiretto, sarebbe positivo che l’accordo raggiunto potesse in qualche modo aiutare i palestinesi nel vedere stabilito e riconosciuto uno Stato della Palestina indipendente, sovrano e democratico che viva in pace e sicurezza con Israele e i suoi vicini, nello stesso tempo incoraggiando in qualche modo la comunità internazionale, in particolare le parti più direttamente interessate, a intraprendere un’azione più incisiva per contribuire al raggiungimento di una pace duratura e all’auspicata soluzione dei due Stati. Questo sarebbe un bel contributo per la pace e la stabilità in una regione da tanto tempo afflitta da conflitti, e da parte loro la Santa Sede e la Chiesa locale sono desiderose di collaborare in un cammino di dialogo e di pace».

Foto: Papa Francesco con il presidente palestinese Mahmoud Abbas in Vaticano, durante lo storico incontro in cui era presente anche il presidente israeliano Shimon Peres, l’8 giugno 2014. (Franco Origlia/Getty Images)