• Italia
  • venerdì 1 maggio 2015

Il manifestante che “spiega” le violenze di Milano, e che poi si è pentito

E ci si chiede se rappresenti molti come lui, o se sia un caso limite

TgCom ha trasmesso un’intervista abbastanza illuminante sull’approccio di alcuni manifestanti alle violenze di oggi nel centro di Milano: illuminante e quasi incredibile per l’associazione di sfacciataggine e vuotezza di pensiero, e ci si chiede quanto sia rappresentativa, forse non volendosi neanche rispondere.

Il giorno dopo gli scontri Repubblica ha parlato con il “manifestante” intervistato il giorno prima da TgCom: si chiama Mattia Sangermano, ha vent’anni e vive a Pavia. Sangermano è tornato sulle cose che aveva detto il giorno precedente, dicendo di essersi pentito di averle dette: “dopo il casino che ho combinato, basta manifestazioni per me”.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.