• Mondo
  • giovedì 23 Aprile 2015

Il tour virtuale di Google nella prigione di Nelson Mandela

Funziona come Google Street View e permette di visitare tutti gli ambienti della ex-prigione di Robben Island, in Sudafrica

Google ha presentato un progetto interattivo che permette di visitare Robben Island, l’isola a largo di Cape Town, in Sudafrica, dove c’era la prigione in cui fu incarcerato per 18 anni Nelson Mandela. Il tour interattivo di Google funziona come Google Street View, il servizio di Google che mostra ricostruzioni fotografiche tridimensionali delle strade delle città, e permette di muoversi attraverso l’isola e nel museo che è stato aperto all’interno degli edifici che fino al 1996 hanno ospitato la prigione. Mentre ci si muove attraverso l’isola, nell’angolo dell’immagine compaiono sullo schermo delle didascalie o dei video che spiegano la storia della prigione e del suo funzionamento.

La cella di Nelson Mandela a Robben Island, come si vede nel tour virtuale

Schermata 2015-04-23 alle 10.31.22

Robben Island è un’isola a circa 7 chilometri di mare da Cape Town, e il suo nome significa “isola delle foche”. Dalla fine del 1600 l’isola è stata usata come prigione per prigionieri politici, come lebbrosario, come centro di quarantena per animali e poi dal 1900 come prigione di massima sicurezza. Dopo il processo di Rivonia del 1964, in cui otto leader dell’African National Congress – il partito socialista e anti apartheid del Sudafrica – furono condannati al carcere per cospirazione, Nelson Mandela fu incarcerato a Robben Island. Mandela viveva in una cella di 2 metri per 2 nella Section B e rimase a Robben Island per 18 anni, fino al 1982, quando fu trasferito in una prigione di Cape Town.

Dal 1996, quando la prigione è stata chiusa, a Robben Island c’è un museo molto visitato e l’isola è patrimonio dell’umanità. Il progetto interattivo è stato realizzato dal Google Cultural Institute, che ha recentemente presentato un progetto simile dedicato alla mitica sala di registrazione di Abbey Road e che negli ultimi anni ha realizzato progetti che permettono di visitare i principali musei mondiali (come il Van Gogh Museum di Amsterdam), le meraviglie del mondo (come le Piramidi di Giza) o importanti luoghi storici (come il Teatro Ford dove 150 anni fa ci fu l’attentato al presidente degli Stati Uniti Abraham Lincoln).