• Mondo
  • mercoledì 8 aprile 2015

Un poliziotto americano ha ucciso un uomo nero sparandogli alle spalle

E sarà processato per omicidio, ora che un video diffuso online ha smentito la sua versione dei fatti

Martedì 7 aprile un agente di polizia statunitense è stato accusato di omicidio a North Charleston, South Carolina, dopo la pubblicazione online di un video che lo mostra sparare alla schiena e uccidere un uomo apparentemente disarmato e in fuga. L’agente è bianco, l’uomo ucciso era nero: ed è l’ennesima storia di abusi e violenze sproporzionate della polizia di cui si parla negli Stati Uniti negli ultimi mesi.

La vicenda è avvenuta sabato 4 aprile durante quello che doveva essere un comune controllo di polizia. Un uomo (Walter L. Scott, 50 anni, nero) circolava su una macchina con un faro rotto ed è stato fermato dagli agenti. Una volta fermata la macchina, è sceso e ha cominciato a correre in un piccolo parco vicino. Raggiunto da un agente di polizia, c’è stata una piccola colluttazione e l’uomo ha di nuovo cercato di fuggire. A quel punto il poliziotto gli ha sparato alla schiena, otto volte: non è chiaro se sia morto sul colpo. Inizialmente l’agente (Michael T. Slager, 33 anni, bianco) si era giustificato dicendo di aver sparato per legittima difesa, sostenendo che Scott aveva cercato di rubargli il taser e che la sua vita era stata gravemente minacciata (cosa che avrebbe giustificato la legittima difesa). Dietro il cancello del giardino, però, un uomo ha filmato la scena e le immagini contraddicono la versione del poliziotto: si vede Scott scappare, apparentemente disarmato, e il poliziotto spara quando Scott è già piuttosto lontano, senza che ponga nessuna minaccia. L’agente Slager martedì 7 aprile è stato quindi accusato di omicidio e mercoledì 8 è stato licenziato dal dipartimento di polizia a cui apparteneva.

Attenzione, il video contiene immagini forti:

Un elemento aggravante del video – che è stato pubblicato dal New York Times che l’ha ricevuto dall’avvocato della famiglia Scott – è il fatto che mostri il poliziotto ammanettare Scott steso a terra e ferito e poi tornare verso il punto dove poco prima si era verificata la colluttazione, raccogliere qualcosa da terra e lasciarla cadere vicino al corpo di Scott. Inoltre, mentre dal rapporto della polizia risultava che gli agenti avessero cercato di rianimare Scott, il video mostra che non è stato fatto nulla per cercare di salvarlo, lasciandolo faccia a terra, ammanettato e insanguinato. Secondo il New York Times Walter L. Scott era stato arrestato una decina di volte per piccoli reati. Suo fratello, citato dal giornale locale Post and Courier, ha detto che forse era scappato perché pensava che gli agenti l’avessero fermato per accusarlo di non aver pagato gli alimenti dei figli, cosa che era già avvenuta in passato. Dopo la diffusione del video il sindaco di Charleston, Keith Summey, si è scusato pubblicamente e ha annunciato il rinvio a giudizio del poliziotto.

Da mesi si discute negli Stati Uniti dei metodi utilizzati dagli agenti di polizia coinvolti in diversi episodi di violenza soprattutto contro uomini neri. Gli ultimi di cui si è parlato in ordine di tempo riguardano la polizia di Los Angeles, che all’inizio di marzo ha sparato e ucciso un senzatetto con problemi mentali sospettato di aver compiuto una rapina, e quello della polizia di Dallas che ha sparato a un uomo nero con disturbi mentali sulla soglia di casa sua. Di tutti questi episodi esistono dei video. Di fronte ai disordini e alle proteste che ne erano seguite, la Casa Bianca aveva raccomandato una serie di misure per cercare di cambiare le pratiche della polizia e migliorare le relazioni tra gli agenti e le minoranze etniche.

North Charleston è la terza città più grande del South Carolina, con una popolazione di circa 100 mila persone. I neri sono il 47 per cento dei residenti e i bianchi il 37 per cento. Il Dipartimento di Polizia è formato per l’80 per cento da agenti bianchi secondo i dati raccolti dal Dipartimento di Giustizia nel 2007, i più recenti che si hanno a disposizione.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.