• postit
  • martedì 31 Marzo 2015

Oggi chiudono gli ospedali psichiatrici giudiziari (OPG), ma ci saranno tempi tecnici per il trasferimento delle persone interessate in altre strutture

Rainews24 – Dal 31 marzo chiuderanno gli Ospedali psichiatrici giudiziari (Opg), fino a poco tempo fa conosciuti semplicemente come manicomi criminali. In tutto sono sei le strutture dell’orrore, come le ha definite l’ex presidente della Repubblica Giorgio Napolitano: Barcellona Pozzo di Gotto, Aversa, Napoli Secondigliano, Montelupo Fiorentino, Reggio Emilia, Castiglione delle Stiviere. Gli internati sono circa ottocento, alcuni condannati ad un ergastolo bianco. Dalla prima relazione del governo al parlamento, si evince che “tra maggio e settembre 2014 sono state presentate al ministero della Salute le schede individuali di 826 persone, di questi i dimissibili erano 476, i non dimissibili 314, mentre 36 non sono stati ancora giudicati valutabili”, spiega Stefano Cecconi, coordinatore della campagna di StopOpg. Ad oggi sono circa 700 gli internati. Secondo la seconda relazione trimestrale al parlamento di febbraio di quest’anno, al 30 novembre 2014 gli Opg contavano 761 persone. Un dato che è quasi la metà di quello del 2012, quando se ne contavano circa 1.200.

Questo è un post della categoria PostIt, che rimanda direttamente alla fonte originale della notizia dalla homepage del Post.

Se siete arrivati su questa pagina attraverso i feed RSS o dai social network, potete leggere il contenuto di questa notizia sulla fonte originale cliccando sul titolo qui sopra.
Qui c'è l'elenco di tutti gli ultimi PostIt.