• Mondo
  • giovedì 26 marzo 2015

Le lettere del principe Carlo ai ministri saranno rese pubbliche

Lo ha stabilito la Corte suprema del Regno Unito, concludendo un annoso contenzioso legale avviato dal Guardian

La Corte suprema del Regno Unito si è pronunciata nella mattina di giovedì 26 marzo su un caso, aperto 10 anni fa, riguardante 27 lettere scritte tra il 2004 e il 2005 dal principe Carlo a politici e ministri del governo del Regno Unito. Dopo la sentenza di oggi le lettere dovranno diventare pubbliche, ma al momento non è stata comunicata una data per la loro pubblicazione. Le lettere, che il principe Carlo spedisce da sempre sono conosciute come “black spider memos”, i “promemoria del ragno nero”, per via della penna nera con cui sono scritte e della calligrafia poco ordinata.

Il principe Carlo sosteneva che le lettere fossero private e confidenziali. L’accusa sosteneva invece che provassero il suo tentativo di influenzare le scelte politiche dei ministri britannici. Il caso è iniziato nel 2005 quando il Guardian ha chiesto, appellandosi al Freedom of Information Act del 2000, che le lettere diventassero pubbliche. Nel 2010 una prima sentenza aveva respinto la richiesta dicendo che “il principe Carlo aveva pieno diritto di scrivere ai ministri”, e che “era giusto, addirittura di vitale importanza, non rendere pubbliche quelle lettere”. Sentenze successive avevano però dato ragione al Guardian, dichiarando lecita la richiesta. La sentenza del 26 marzo della Corte Suprema, che il Guardian sta seguendo con costanti aggiornamenti, ha confermato quella decisione.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.