Il sito con gli spoiler

Se dopo il finale di Masterchef avete voglia di rovinarvi anche altro, c'è un sito apposta per persone molto coraggiose

Da ieri sera si parla molto online del servizio con cui la trasmissione tv Striscia la Notizia ha annunciato, con due giorni di anticipo, il nome del vincitore della quarta edizione di Masterchef, il famoso talent show dedicato alla cucina in onda su Sky. La storia ha riaperto l’eterna discussione sugli spoiler e soprattutto sul terrore degli spoiler, un termine ormai molto usato per indicare qualsiasi elemento che riveli dettagli della trama di un’opera (serie tv e film, principalmente): o peggio, come in questo caso, il finale. Chi si è già rovinato il finale di Masterchef – posto che la rivelazione di Striscia la Notizia sia vera – può decidere di continuare su questa strada e spoilerarsi scene di film e serie tv andando su un sito aperto apposta lo scorso settembre da Netflix, il servizio di streaming on-demand attivo negli Stati Uniti e in altri paesi.

Il sito è suddiviso in tre sezioni: in una si può fare un rapido test per capire che tipo di “spoileratore” si è; in un’altra bisogna riconoscere da che opere sono tratte alcune frasi, così da migliorare una statistica generale sull’indice di diffusione degli spoiler. La sezione più condivisa e più apprezzata è però quella in cui – dopo aver cliccato due volte, per sicurezza, su un grosso pulsante rosso visualizzato sullo schermo – all’utente viene mostrato un breve filmato tratto a casaccio da finali o passaggi importanti di film o serie tv molto noti. Uno spoiler, in video. L’operazione può essere ripetuta quante volte si desidera, scoprendo ogni volta nuovi spoiler. Per quanto sia masochistico, la cosa dà dipendenza.

netflix

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.