I 40 anni del Saturday Night Live

Foto e video dei festeggiamenti per il più famoso programma tv di comicità e satira americano, affollati dei suoi vecchi protagonisti e di molte celebrities

Domenica si è tenuta al Rockefeller Center di New York la festa per i 40 anni del Saturday Night Live (SNL), il più importante e famoso programma comico televisivo degli Stati Uniti, trasmesso ogni sabato sera da NBC. La prima puntata dello show, creato dal produttore Lorne Michaels, andò in onda l’11 ottobre del 1975 con il titolo NBC’s Saturday Night, e da allora ha sempre avuto successo. Il programma prevede un ospite diverso ogni settimana, che affianca il cast di comici e attori in sketch ed esibizioni musicali. Il Saturday Night Live ha vinto tantissimi premi, tra cui 40 Emmy Awards – quelli più importanti della tv americana, per cui ha ricevuto anche 175 candidature – mentre la rivista Time l’ha inserito al nono posto nella classifica dei 50 migliori spettacoli di tutti i tempi.

Alla festa erano presenti tantissime celebrità: comici come Tina Fey, Jerry Seinfeld, Larry David, Amy Poehler, Louis C.K. ed Eddie Murphy, che è tornato al SNL per la prima volta dopo 30 anni. Tra gli attori c’erano Bill Murray (che come ormai sapete è il santo patrono del Post), Tom Hanks, Robert De Niro, Edward Norton, Betty White, Emma Stone, e Glenn Close, e tra i musicisti Taylor Swift, Kanye West e Paul McCartney. Erano presenti anche l’uomo d’affari Donald Trump, l’ex sindaco di New York Rudy Giuliani e l’ex governatore dell’Alaska Sarah Palin, più volte presa in giro nel programma.

Jerry Seinfeld risponde alle domande dal pubblico (tra cui Sarah Palin)

Eddie Murphy (dal minuto 3:49)

Bill Murray canta la canzone dello Squalo

Bradley Cooper e Betty White che si baciano

Jimmy Fallon e Justin Timberlake

Miley Cyrus canta 50 Ways to Leave Your Lover

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di più, e migliori.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la newsletter, una quota minore di inserzioni pubblicitarie, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.