• postit
  • venerdì 13 Febbraio 2015

L’ambasciata italiana in Libia ha invitato di nuovo i cittadini italiani a lasciare il paese

Si aggrava la situazione in Libia. Venerdì pomeriggio l’ambasciata italiana a Tripoli ha rinnovato l’invito ai nostri connazionali a lasciare «temporaneamente» il Paese. Un invito che era stato pubblicato sul sito Viaggiare sicuri già il 1 febbraio e che venerdì la Farnesina ha reiterato vista l’aggravarsi della situazione per l’avanzata jihadista. Il 27 gennaio scorso i jihadisti hanno attaccato l’hotel Corinthia di Tripoli. Giovedì hanno rivendicato il rapimento e l’uccisione di 21 egiziani copti. Nella notte tra giovedì e venerdì Isis ha preso il controllo di Sirte, 450 km da Tripoli.Si aggrava la situazione in Libia. Venerdì pomeriggio l’ambasciata italiana a Tripoli ha rinnovato l’invito ai nostri connazionali a lasciare «temporaneamente» il Paese. Un invito che era stato pubblicato sul sito Viaggiare sicuri già il 1 febbraio e che venerdì la Farnesina ha reiterato vista l’aggravarsi della situazione per l’avanzata jihadista. Il 27 gennaio scorso i jihadisti hanno attaccato l’hotel Corinthia di Tripoli. Giovedì hanno rivendicato il rapimento e l’uccisione di 21 egiziani copti. Nella notte tra giovedì e venerdì Isis ha preso il controllo di Sirte, 450 km da Tripoli.

(continua a leggere sul Corriere.it)

Questo è un post della categoria PostIt, che rimanda direttamente alla fonte originale della notizia dalla homepage del Post.

Se siete arrivati su questa pagina attraverso i feed RSS o dai social network, potete leggere il contenuto di questa notizia sulla fonte originale cliccando sul titolo qui sopra.
Qui c'è l'elenco di tutti gli ultimi PostIt.