Sports Illustrated ha licenziato tutti i suoi fotografi

Erano sei: a causa della crisi la rivista americana – famosa proprio per le sue fotografie bellissime – lavorerà solo con i freelance

Il famoso settimanale sportivo americano Sports Illustrated – di proprietà della Time Inc., fondato nel 1954 e con una tiratura di 3 milioni di copie – ha licenziato i suoi sei fotografi assunti. Brad Smith, responsabile delle fotografie di Sports Illustrated, ha confermato la notizia al News Photographer Magazine: «È tutto vero, è stata una decisione presa dalla società editrice per ristrutturare vari dipartimenti, incluso Sports Illustrated. Purtroppo, data la situazione economica in cui ci troviamo, hanno dovuto licenziare i sei fotografi».

I sei fotografi sono stati informati del licenziamento giovedì 22 gennaio ma secondo una fonte interna il loro licenziamento sarà effettivo da marzo, probabilmente con date diverse a seconda degli accordi che ogni fotografo aveva con la società. Perciò i sei fotografi licenziati scatteranno comunque le foto per Sports Illustrated durante il Super Bowl – la finale del campionato di football americano della National Football League (NFL) – che si giocherà domenica 1 febbraio tra New England Patriots e Seattle Seahawks.

Brad Smith ha parlato anche dei piani futuri, visto che il magazine – famoso proprio per i suoi servizi fotografici – si troverà a dover lavorare con fotografi freelance e non più con uno staff interno: «Dovremo rivalutare cosa è meglio per il magazine, non solo finanziariamente ma anche a livello di contenuti. Il nostro impegno verso la fotografia è più forte che mai, continueremo a creare i migliori contenuti possibili». Già l’estate scorsa c’erano state voci di possibili tagli allo staff di Sports Illustrated, a causa della decisione del magazine di spostarsi in una sede più piccola a Downtown, nel sud di Manhattan, New York, perché il costo dell’affitto era diventato troppo alto.

Sempre secondo Smith, Sports Illustrated non cambierà quello che fa ma semplicemente il processo con cui lo fa: «Il nostro impegno verso la fotografia non è cambiato, continueremo a coprire gli eventi sportivi e a scattare ritratti, continueremo a seguire le Olimpiadi, le Final Four e i campionati, ci saremo». Smith ha spiegato che spera che i fotografi, se lo desidereranno, continuino a collaborare con il magazine, nonostante non faranno più parte della redazione: «Non posso immaginare un mondo in cui loro non lavorino per Sports Illustrated. Dovremo solo capire come sarà la nuova struttura».

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.