• Cultura
  • Questo articolo ha più di sette anni

Ma la chitarra di Bono è importante per gli U2?

Se ne parla perché lui ha detto che forse non potrà più suonarla, dopo un incidente

Il 16 novembre scorso Bono Vox, cantante e leader degli U2, uno dei più noti gruppi rock degli ultimi trent’anni, ha avuto un incidente in bicicletta a New York e si è rotto un braccio: ha subito fratture a un’orbita oculare, a una mano e a una spalla. Sono stati necessari il ricovero in ospedale e due interventi chirurgici, in uno dei quali Bono ha subito l’inserimento di tre placche di metallo e 18 viti al braccio. Benché fosse stato riferito e ripreso da diversi media, l’incidente non aveva comunque suscitato particolari preoccupazioni tra i fan. Se ne è tornato a parlare da qualche giorno dopo che in un articolo di fine anno, pubblicato l’1 gennaio sul sito ufficiale del gruppo, Bono ha raccontato che la guarigione da quell’infortunio si sta rivelando “più difficile” di quanto pensasse e che non è ancora chiaro se sarà di nuovo in grado di suonare la chitarra.

L’annuncio di Bono ha suscitato da una parte la curiosità riguardo il suo scarsamente noto ruolo come chitarrista all’interno del gruppo e dall’altro una preoccupazione maggiore rispetto a prima riguardo la reale entità del suo recente infortunio. Per molti è stata una notizia già soltanto sapere che Bono suoni la chitarra, dal momento che è ben più noto per il suo ruolo di cantante. Lui stesso ci ha scherzato sopra, spiegando il suo infortunio:

Mi sono rotto la mano, la spalla, il gomito e la faccia ma il vero danno di quest’anno è stato quello al mio orgoglio irlandese dal momento in cui si è scoperto che sotto la mia tuta indossavo dei pantaloncini LYCRA da ciclista gialli e neri. Esatto, LYCRA. Non fa molto rock ‘n’ roll. Al momento in cui scrivo queste cose, non è ancora chiaro se riuscirò più a suonare la chitarra. La band mi ha fatto notare che né loro né la civiltà occidentale dipendono da questo. Ma personalmente mi mancherebbe moltissimo suonare la mia Gretsch Irish Falcon verde o la mia Gretsch (RED). Giusto per il piacere di suonare, oltre che per scrivere canzoni. Sapete se Edge, Jimmy Page o altri chitarristi che conoscete hanno un gomito di titanio come me adesso?

Gli U2 sono formati da quattro persone, da sempre: il batterista è Larry Mullen, il bassista è Adam Clayton e il chitarrista è Dave Evans a tutti noto con il soprannome “The Edge”. Bono – che ha 54 anni e si chiama Paul Hewson – è il cantante, sebbene non sia raro vederlo sul palco con una chitarra durante i concerti (soprattutto dalla pubblicazione del disco “Rattle and Hum”, nel 1988). La funzione della chitarra di Bono durante i concerti può essere solo limitatamente assimilata a quella della chitarra di accompagnamento nei gruppi che ne prevedono una oltre a quella solista. A dirla tutta, gli U2 fanno da tempo largo uso di strumenti accessori – sintetizzatori, organi, tastiere – che creano una base musicale piuttosto massiccia e che di fatto rendono il suono della chitarra di Bono un contributo sostanzialmente superfluo.

Il giornalista e critico musicale Dave Marsh ha detto: «Ho sempre pensato agli U2, nei loro spettacoli dal vivo, come a un trio con un cantante. Quanto gli serva suonarla per scrivere le canzoni è un’altra questione, ma un fantastico chitarrista (“The Edge”) con cui lavorare per la composizione dei pezzi ce l’ha». Lo stesso Bono ha spesso ridimensionato il suo ruolo come chitarrista nel gruppo: una volta ha detto che intorno alla metà degli anni Settanta, ai tempi in cui gli U2 stavano per nascere, gli altri gli dissero che forse era il caso che lui si concentrasse sul canto, tanto era scarso a suonare la chitarra. In passato Bono ha anche raccontato di usare sia la chitarra che il pianoforte quando scrive canzoni.

Il critico di Rolling Stone Anthony DeCurtis ha invece letto la vicenda in termini diversi, più allarmistici: «A nessuno importa se potrà suonare ancora la chitarra, e questo non è importante per i concerti. Ma il fatto che non sia in grado di suonare la chitarra mi preoccupa in un senso più ampio. Dice della serietà di cosa gli è capitato». Anche Marsh ritiene che questo incidente potrebbe essere comunque rilevante e che non sia il caso di minimizzare l’infortunio: «Il dolore è dolore. Una perdita di funzioni è una perdita di funzioni».

Nel 2014 gli U2 hanno pubblicato il loro tredicesimo disco, “Songs of Innocence”, e a maggio 2015 è previsto in Nord America l’inizio di un loro nuovo tour mondiale (iNNOCENCE + eXPERIENCE Tour 2015)

Bono sul palco con una chitarra durante un concerto a East Rutherford, New Jersey, il 20 luglio 2011.
(AP Photo/Charles Sykes, file)