Capodanno ma senza Discosamba

Quindici suggerimenti per una playlist da divertirsi stando alla larga dal trash

Con che musica iniziate l’anno nuovo? Avete mai scelto la musica per la notte di Capodanno? Che sia per una serata a casa con un gruppetto di amici, o per una grossa festa, le strade possibili sono due: una è scaricare subito tutto Discosamba, il Tuca Tuca, eccetera, e un’altra è farsi venire delle idee. In questo secondo caso, a sua volta, si può esagerare con la creatività anticonformista e scegliere una playlist ballabile ma lugubre e selvatica (i Joy Division, tipo) per prendere le distanze dalla sciocca e artificiosa allegria da mezzanotte e dalla diretta di Raiuno.
Oppure limitare la sovversione bastian contraria e decidere di passare la serata divertendosi con classici riempipista eccitanti e anche un po’ facili, ma che si fermano un attimo prima del trash. Noi vi invitiamo a fare questa seconda cosa (ma se siete del partito Joy Division, massimo rispetto), con una manciata di suggerimenti col ritmo giusto e l’attacco che ottiene un sorriso e fa venire voglia di andare a ballare cantando, senza che vi dobbiate vergognare quando giorni dopo circolerà il video di voi che fate il trenino urlando “brigittebardòbardò”. E nei commenti, sono benvenute integrazioni.

Boys town gang – Can’t take my eyes off you

Calvin Harris – We’ll be coming back

Katy Perry – I kissed a girl

Soft Cell – Tainted love

Willy De Ville – Hey Joe

Beyoncé – Crazy in love

Jamiroquai – Space cowboy

Miriam Makeba – Pata pata

Joe Smooh – Promised land

Heaven 17 – Let me go

Gala – Come into my life

Stylophonic – If everybody in the world

Madonna – Girl gone wild

Daft Punk – Get lucky

Dead or alive – You spin me round