• Mondo
  • mercoledì 31 dicembre 2014

Il video dell’uomo afroamericano maltrattato dai poliziotti a New York solo perché stava ballando

Stava girando un video per il programma di Ellen DeGeneres, tre poliziotti lo hanno fermato e insultato

Alexander Bok, un uomo afroamericano che stava girando un innocuo video di ballo da mandare al programma televisivo della presentatrice americana Ellen DeGeneres, è stato fermato, insultato e strattonato da alcuni poliziotti di New York mentre ballava dietro un agente. Bok, che ha un canale YouTube dove pubblica regolarmente video dei scherzi agli sconosciuti, stava facendo un video per il Dance Dare: una specie di concorso in cui DeGeneres invita gli spettatori a mandarle video di se stessi mentre ballano alle spalle di un’altra persona senza farsi scoprire. Bok il 24 dicembre stava girando un video del genere quando ha deciso di ballare dietro a un agente di polizia, che lo ha fermato e insultato, assieme ad altri due agenti sul posto. Prima di lasciarlo andare, uno dei tre agenti lo ha spintonato, facendolo cadere. Nelle ultime settimane la polizia di New York sta ricevendo nuove critiche – anche dal sindaco della città Bill de Blasio – riguardo il modo in cui tratta gli afroamericani in seguito alla morte del 43enne Eric Garner, avvenuta per soffocamento durante l’arresto da parte di alcuni poliziotti bianchi, in luglio.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.