juventus napoli supercoppa italiana
  • Sport
  • lunedì 22 dicembre 2014

Juventus e Napoli si giocano la Supercoppa

Alle 18:30 si gioca in Qatar una competizione italiana che di solito si gioca in estate (perché stavolta no? E perché in Qatar?): le cose da sapere

juventus napoli supercoppa italiana

Juventus e Napoli giocheranno contro dalle 18.30 a Doha, in Qatar: si tratta di una partita che assegnerà la Supercoppa italiana del 2014, una competizione di calcio italiana – istituita nel 1988 – in cui si affrontano la squadra che nella precedente stagione ha vinto lo scudetto (stavolta la Juventus) contro quella che ha vinto la Coppa Italia (stavolta il Napoli). È una partita molto attesa non soltanto per la posta in palio – è pur sempre una coppa, seppure la meno importante dell’anno – ma perché tra Juventus e Napoli c’è una storica rivalità sportiva, peraltro alimentata anche da altre due precedenti edizioni di questa finale.

Nel 1990 vinse il Napoli 5-1 e nel 2012, due anni fa, la Juventus vinse ai tempi supplementari al termine di una partita molto contestata per alcune decisioni dell’arbitro Paolo Mazzoleni, che espulse due giocatori del Napoli (il Napoli non si presentò alla premiazione, in segno di protesta). L’arbitro della finale di quest’anno è Paolo Valeri.

Come vederla, intanto
La partita di Supercoppa italiana tra Juventus e Napoli sarà trasmessa in chiaro su Rai 1, anche in HD e in streaming, sul sito Rai.tv. Si giocherà alle 18.30 in Italia – quando in Qatar saranno le 20.30 – per permettere ai tifosi presenti in trasferta di organizzare più facilmente il viaggio di ritorno in Italia.

Perché si gioca in Qatar
Sarà la settima volta che la Supercoppa italiana si gioca fuori dall’Italia: in passato questa competizione è stata giocata in Cina (2009, 2011 e 2012), negli Stati Uniti (1993 e 2003) e in Libia (2002). I motivi per cui questa partita – come anche le precedenti organizzate all’estero – si gioca in Qatar sono prevalentemente economici: la società locale organizzatrice dell’evento, sostenuta dalla lega calcio del Qatar, consentirà a Juventus, Napoli e Lega calcio italiana di ottenere ricavi molto maggiori (circa 2,5 milioni di euro) rispetto a quelli che otterrebbero se la partita venisse giocata in Italia. La lega calcio del Qatar è presieduta dall’emiro del paese, lo sceicco Hamad bin Khalifa Al Thani.

Dove sta il Qatar
Il Qatar è un emirato del Medio Oriente situato in una piccola penisola di circa 11 mila chilometri quadrati, geograficamente inglobata nel golfo Persico. L’unico paese confinante è l’Arabia Saudita, a sud. Doha è la capitale, la sede del governo e la città più grande, quella in cui risiede la maggior parte della popolazione della penisola. Lo stadio in cui si giocherà la Supercoppa italiana è il “Jassim Bin Hamad”, uno stadio da circa 14 mila posti costruito negli anni Settanta e ristrutturato nel 2009: tutti i biglietti per la partita di oggi sono stati venduti, ha fatto sapere la Lega italiana di calcio. Il Qatar sta investendo moltissimo nel calcio internazionale: il paese sponsorizza direttamente le maglie del Barcellona, è proprietario del Paris Saint-Germain e nel 2022 organizzerà i Mondiali di calcio.

Perché si gioca a dicembre
È la terza volta, dopo il 1995 e il 1996, che questa coppa si gioca in inverno. Solitamente infatti, trattandosi di fatto di un trofeo relativo alla stagione precedente, la Supercoppa italiana è la prima finale della nuova stagione e si gioca ad agosto, prima o poco dopo l’inizio del campionato. Stavolta il Napoli aveva chiesto e ottenuto, a giugno scorso, di posticipare la data originariamente prevista per la Supercoppa – con il consenso della Juventus – in modo da favorire la preparazione dei preliminari di Champions League alla fine di agosto e non sovrapporre a questi altre partite importanti.

Come stanno andando Juventus e Napoli
In campionato la Juventus sta vincendo quasi tutte le partite, con straordinaria continuità, praticamente da tre anni a questa parte. In questa stagione, dopo sedici partite, è in prima posizione in classifica con 39 punti: 3 in più rispetto alla Roma, sua principale rivale anche nella passata stagione. La Juventus è la squadra che ha segnato più gol di tutti (34) e ne ha subiti meno (7), e ha perso una sola partita (contro il Genoa). In Champions League è l’unica squadra italiana a essersi qualificata per gli ottavi di finale: giocherà contro il Borussia Dortmund. Il suo nuovo allenatore – Massimiliano Allegri, che ha sostituito Antonio Conte – non ha particolarmente alterato il modulo di gioco già usato dalla Juventus e ha piuttosto intensificato alcuni punti di forza della squadra: la difesa, il pressing, il possesso palla.

Rispetto alle aspettative dei tifosi e di gran parte degli osservatori, il Napoli sta invece disputando una stagione piuttosto deludente. Dopo essere stata eliminata nei preliminari di Champions League dalla squadra spagnola dell’Athletic Bilbao, in campionato non è riuscita a tenere il passo di Roma e Juventus, e tra le squadre più forti è probabilmente una delle più incostanti. Attualmente è in terza posizione insieme ad altre due squadre, Lazio e Sampdoria, a dodici punti di distanza dalla Juventus. In Europa League il Napoli si è qualificato per i sedicesimi di finale (giocherà contro il Trabzonspor) dopo aver vinto il proprio girone di qualificazione.

Le formazioni ufficiali

Juventus (4-3-1-2): Buffon; Lichtsteiner, Bonucci, Chiellini, Evra; Marchisio, Pirlo, Pogba; Vidal; Llorente, Tevez.

Napoli (4-5-1): Rafael; Maggio, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Gargano, David Lopez; De Guzman, Hamsik, Callejon; Higuain.

Chi ha vinto più volte la Supercoppa
Vincendo la Supercoppa nel 2014 la Juventus diventerebbe la squadra italiana ad averla vinta più volte: finora ha vinto questa manifestazione sei volte, come il Milan, e se l’è giocata dieci volte. Il Napoli ha vinto la Supercoppa italiana una sola volta, nel 1990, quando batté proprio la Juventus 5-1 allo stadio San Paolo a Napoli.

(La contestata edizione del 2012)

Andrea Pirlo e Arturo Vidal durante un allenamento nello stadio a Doha, domenica 21.
(KARIM JAAFAR/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.