Gli 80 anni di Judi Dench

Ha fatto un sacco di teatro, ha vinto un Oscar per un film in cui appare 8 minuti e tutti la conoscono per essere stata la M di James Bond

Ci sono attori e attrici che per quante cose notevoli abbiano fatto finiscono per restare legati a un ruolo, per cui viene naturale associare a quel personaggio la faccia del suo interprete: tra gli altri è il caso di Judi Dench, che oggi compie 80 anni, e che dal 1995 al 2012 ha interpretato il ruolo di M, il direttore del Secret Intelligence Service nei film sull’agente segreto James Bond. Eppure Judi Dench ha lavorato soprattutto a teatro: ha frequentato insieme a Vanessa Redgrave la scuola di recitazione spinta dal padre, che lavorava come medico al Theatre Royal di York, e ha esordito giovanissima come Ofelia in Amleto, un ruolo difficilissimo che la rese in breve tempo una delle maggiori attrici teatrali britanniche e una delle migliori interpreti del teatro shakespeariano.

A un certo punto Judi Dench ha deciso di dedicarsi anche al cinema ma il vero successo non è arrivato prima degli anni Ottanta: la sua prima interpretazione importante, infatti, è stata nel film di James Ivory Camera con vista del 1986. Da allora Judi Dench ha girato una quantità impressionante di film, riuscendo a vincere l’Oscar nel 1998 per la sua interpretazione della Regina Elisabetta I in Shakespeare in Love, del 1998. Fatto notevole: le sue scene nel film non duravano più di 8 minuti. Il suo ultimo film è stato Philomena di Stephen Frears, per cui ha ottenuto una candidatura ai Golden Globe e una agli Oscar 2014 come miglior attrice protagonista.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.