“Friends in Space” per seguire Samantha Cristoforetti in orbita

Un'applicazione permette di avere aggiornamenti sulla posizione e le attività della Stazione Spaziale Internazionale in orbita

Accurat, una società con sede a Milano e a New York che si occupa di information design, e che tra le altre cose cura spesso le grafiche della Lettura del Corriere della Sera, ha realizzato “Friends in Space”, un’applicazione per il web con la quale per i prossimi sei mesi sarà possibile seguire le attività dell’astronauta italiana Samantha Cristoforetti sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS). L’idea è offrire un luogo in cui gli appassionati di cose di Spazio si possano trovare facilmente, e possono soprattutto ricevere informazioni e aggiornamenti su cosa succede in orbita a bordo della Stazione.

L’applicazione può essere usata tramite browser, sia in forma anonima (con funzionalità limitate) sia iscrivendosi attraverso il proprio account Twitter o Facebook o Google. “Friends in Space” mostra nella sua schermata principale il punto in cui si trova la ISS in orbita e la posizione geografica delle persone che si sono iscritte all’iniziativa. In questo modo l’applicazione può avvisare ogni utente quando la Stazione sta per passargli sopra la testa, dandogli la possibilità di inviare un “Ciao” virtuale verso l’orbita.

Oltre alla modalità in tempo reale, ci sono altre due sezioni: “Futuro” per vedere dove si troverà la ISS nelle prossime ore e nei prossimi giorni; “Passato” per accedere a una cronologia degli ultimi passaggi della Stazione, delle attività svolte a bordo e delle cose che ha condiviso Cristoforetti attraverso Twitter.

Infine, se si utilizza l’applicazione tramite la propria iscrizione, è possibile avere un riepilogo delle attività svolte e un promemoria sui prossimi passaggi nelle vicinanze (seppure a 400 chilometri di altitudine) della ISS.

L’idea di “Friends in Space” è venuta a Giorgia Lupi, fondatrice di Accurat, dopo uno scambio su Twitter con Cristoforetti. In seguito l’applicazione è stata sviluppata tra Milano e New York, consultando appassionati di spazio e diversi professionisti che hanno dato consulenze e indicazioni sulle cose rilevanti da inserire all’interno del servizio. “Friends in Space” è online da lunedì e sarà progressivamente arricchita con nuove opzioni e funzionalità.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.