• Mondo
  • lunedì 29 settembre 2014

La grande statua di Lenin abbattuta a Kharkiv

Era la più grande di tutta l'Ucraina: ai tentativi precedenti di tirarla giù si erano opposti i gruppi filorussi

Alcune centinaia di manifestanti – molti a volto coperto – si sono riuniti domenica sera nella piazza centrale di Kharkiv, in Ucraina orientale, per abbattere una grande statua di Vladimir Lenin, lo storico leader della rivoluzione bolscevica del 1917 in Russia e del movimento comunista. Il momento in cui la statua è stata tirata giù – mentre la folla cantava l’inno dell’Ucraina e sventolava bandiere ucraine – è stato filmato, fotografato e condiviso sui social network da molte persone. Kharkiv è una delle città in cui negli ultimi mesi si sono concentrati di più gli scontri tra esercito ucraino e separatisti filo-russi. Quella abbattuta a Kharkiv era la statua più grande tra quelle dedicate a Lenin in Ucraina, e come tutti i monumenti simili presenti nel paese ha cominciato a essere un bersaglio di attivisti e nazionalisti in seguito ai disordini e alle proteste cominciati alla fine del 2013 e tuttora sostanzialmente in corso.

Monumenti e statue dedicati a Lenin erano stati innalzati nello scorso secolo in tutti i paesi dell’alleanza europea filosovietica. A differenza di altre statue già abbattute in Ucraina nei mesi scorsi, quella della piazza centrale a Kharkiv era finora rimasta in piedi sia per le sue notevoli dimensioni – che ne rendevano tecnicamente più complesso l’abbattimento – sia perché i tentativi precedenti di tirarla giù erano stati contrastati da alcuni gruppi di opposizione filo-russi. Il giornalista Christopher Miller ha riferito che la polizia aveva minacciato pene fino a 5 anni di carcere per gli autori dell’abbattimento.

Mostra commenti ( )