Renzi: «Io non parlo inglese, io parlo globish»

ll presidente del Consiglio, in visita negli Stati Uniti, ha preso in giro il suo inglese

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi si trova negli Stati Uniti per un viaggio diplomatico fino a venerdì 26 settembre. Nei giorni scorsi ha partecipato all’assemblea generale dell’ONU che si è tenuta a New York e ha inoltre visitato Detroit e San Francisco. In quest’ultima città ha partecipato a un evento in una scuola italiana, prendendo in giro il proprio inglese.

«I don’t speak English, I speak Globish»

Per Globish si intende una sorta di inglese semplificato – il termine richiama le parole “global” e “English” – che condivide con l’inglese una serie di strutture basilari e un limitato numero di vocaboli: è l’inglese semplice e a volte un po’ sgangherato parlato generalmente da chi non è madrelingua inglese e lo utilizza come lingua franca. È stato codificato a partire dal 2004 da un ingegnere informatico francese, Jean-Paul Nerrière, che ha individuato 1500 vocaboli e le strutture essenziali della lingua in due libri.

Il globish, l’inglese che parliamo

foto: JEWEL SAMAD/AFP/Getty Images

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.