• Media
  • mercoledì 24 settembre 2014

Com’è fatto il nuovo Corriere della Sera

Il giornale ha cambiato grafica e scelto un formato più piccolo: qualche pagina per farvi un'idea

Come era stato anticipato nelle ultime settimane, a partire da oggi il Corriere della Sera è in edicola con una nuova grafica e un formato più piccolo. La differenza più evidente è proprio quella delle dimensioni: il nuovo Corriere è 31 x 45 centimetri, ha perso quindi circa 5 centimetri sia in larghezza sia in altezza. La grafica, invece, segue abbastanza quella della versione precedente, ma è meno densa e con i contenuti organizzati in modo più ordinato sulle sei colonne disponibili. In prima pagina resta bello evidente il nome della testata in grassetto, mentre è aumentata di dimensioni la fascia sottostante – un tempo azzurra – dove sono inseriti richiami di articoli all’interno e due riquadri pubblicitari ai lati. In prima pagina la fotografia in evidenza occupa più spazio, riprendendo l’impostazione seguita ormai da anni da altri giornali come La Stampa, tra i primi giornali “lenzuolo” a passare a un formato più piccolo.

All’interno il nuovo Corriere ha la classica suddivisione per aree tematiche (Politica, Esteri, Cronache, Spettacoli…), ma è previsto che possano essere sostituite da altre meno tradizionali in particolari occasioni. Le fotografie più rilevanti hanno didascalie più lunghe e curate direttamente dai giornalisti, e ci sono naturalmente le rubriche, la posta con i lettori e le infografiche.

Il Corriere della Sera esiste dal marzo del 1876 ed è il primo quotidiano italiano generalista per diffusione. Lo scorso marzo il giornale ha rinnovato interamente il suo sito, scegliendo una grafica molto diversa da quella precedente e che ha spiazzato parte dei suoi lettori, con qualche problema sui propri dati di traffico in fase di soluzione. A fine luglio, Ferruccio De Bortoli ha annunciato che lascerà la direzione del Corriere della Sera nella primavera del 2015, dopo averlo diretto dal 1997 al 2003 e ancora dal 2009 a oggi.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.