• Cultura
  • venerdì 5 settembre 2014

Le foto del decimo giorno a Venezia

James Franco con un look che vedete voi, molte belle ragazze, e Michael Bolton, per quelli a cui piace il genere

Per il decimo e ultimo giorno di concorso alla Mostra del Cinema di Venezia, sono stati presentati due film: il primo, Good Kill di Andrew Niccol (con Ethan Hawke, January Jones e Zoe Kravitz, tra gli altri) parla di un uomo che pilota a distanza droni militari e mette in discussione il proprio ruolo quando comincia a rendersi conto delle conseguenze del proprio lavoro. Il secondo, The Postman’s White Nights di Andrej Koncalovski, racconta la vita in un villaggio russo collegato con il resto del mondo soltanto dalla barca del postino che ogni giorno attraversa il lago per consegnare la corrispondenza, e su quello che succede al postino quando la donna di cui è innamorato si trasferisce a vivere in città.

Sono stati proiettati due film anche per la sezione Fuori concorso: The Sound and the Fury di James Franco (con James Franco, Seth Rogen, Jon Hamm) è ambientato ai primi del ‘900 e racconta, da quattro diverse prospettive, la storia della famiglia Compson, aristocratici del sud che hanno avuto sfortune economiche. Oltre a presentare il suo film, James Franco oggi ha anche ricevuto il premio Jaeger-Lecoultre Glory to the filmmaker 2014. L’altro film fuori concorso era Perez, di Edoardo De Angelis (con Luca Zingaretti e Marco D’Amore), su un avvocato d’ufficio a Napoli che si mette nei guai. Per la sezione Orizzonti, invece, c’erano Kreditis Limiti di Salomé Alexi, su una donna che negli anni dell’Unione Sovietica aveva vissuto una vita agiata e non riesce ad adattarsi ai cambiamenti della Georgia moderna, e finisce per indebitarsi senza più riuscire a venirne fuori, e Nabat di Elcin Musaoglu, su una donna e la sua vita in un villaggio lontano da tutto in Azerbaijan.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.