• Cultura
  • mercoledì 3 settembre 2014

Le foto dell’ottavo giorno a Venezia

Ethan Hawke e Milla Jovovich, grandi abiti da sera, un bambino, e un catenone al collo

Per l’ottavo giorno di proiezioni alla Mostra del Cinema di Venezia, sono stati presentati due film in concorso: il primo, Sivas, di Kaan Müjdeci, è la storia di un ragazzino che abita in un villaggio dell’Anatolia e del suo rapporto con un cane da combattimento che trova abbandonato e ferito. Il secondo, Le dernier coup de marteau di Alix Delaporte, la storia di un ragazzo di quattordici anni che abita con la madre in Camargue, e di come cambia la sua vita quando incontra suo padre all’Opera di Montpellier e si innamora di una ragazza.

Sono stati proiettati due film anche per la sezione Fuori concorso: Hwajang (Revivre) di Im Kwon-taek, la storia di un uomo attratto da una collega, che si confronta con il ricordo della moglie morta da poco e quello che lei sapeva dei suoi sentimenti, e La trattativa di Sabina Guzzanti, sulla presunta trattativa Stato-Mafia dei primi anni ’90.

Per la sezione Orizzonti, invece, c’erano Cymbeline di Michael Almereyda con Milla Jovovich, Ed Harris, ed Ethan Hawke, sulla figlia del leader di una gang che sposa un uomo che il padre non approva, e viene reclusa dal padre mentre il marito viene allontanato (il film è un adattamento cinematografico del “Cimbelino” di William Shakespeare), e 9×10 Novanta, un film fatto di dieci piccoli film realizzati con filmati dell’Istituto Luce, che compie 90 anni. I registi che hanno partecipato al progetto sono Marco Bonfanti, Claudio Giovannesi, Alina Marazzi, Pietro Marcello e Sara Fgaier, Giovanni Piperno, Costanza Quatriglio, Paola Randi, Alice Rohrwacher, Roland Sejko.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.