• Mondo
  • martedì 2 Settembre 2014

Le commemorazioni per il 70esimo anniversario dell’Insurrezione nazionale slovacca – foto

Decine di attori hanno rievocato alcuni momenti dell'inizio della resistenza armata contro l'occupazione tedesca

Venerdì 29 e sabato 30 agosto nella città di Banská Bystrica, in Slovacchia, si è tenuta una manifestazione commemorativa in occasione del 70esimo anniversario dell’Insurrezione nazionale slovacca (SNP, Slovenské národné povstanie) della seconda guerra mondiale, nell’ambito di una lunga serie di altri eventi e manifestazioni organizzati dal governo. Alcuni attori in costumi d’epoca hanno rievocato la mobilitazione in piazza che il 29 agosto 1944, proprio a Banská Bystrica, avviò di fatto la resistenza armata contro l’occupazione tedesca e contro il governo slovacco filotedesco di Jozef Tiso, alleato degli Stati dell’Asse.

Per circa due mesi, circa 60 mila soldati e 18 mila guerriglieri partigiani difesero una compatta regione nelle montagne della Slovacchia centro-settentrionale dai contrattacchi dei militari tedeschi, prima di venire sconfitti alla fine di ottobre: i tedeschi deportarono centinaia di prigionieri nei campi di concentramento, mentre altri partigiani sfuggiti alla cattura si arruolarono nelle truppe sovietiche.