• Mondo
  • mercoledì 20 agosto 2014

Le preghiere contro l’ebola in Liberia

I fedeli di una chiesa cristiana africana chiedono la fine dell'epidemia in riva all'Oceano, nelle fotografie di John Moore

John Moore, un apprezzato fotografo di Getty Images, si trova in Liberia, da dove sta documentando la vita di tutti i giorni durante la peggiore epidemia di ebola della storia, che ha ucciso finora oltre 1.200 persone. Tra le tante cose che John Moore ha fotografato, ci sono anche le preghiere in riva all’Oceano Atlantico di alcuni appartenenti alla Chiesa di Aladura, una delle chiese indipendenti africane, comunità cristiane fondate dagli africani e indipendenti dalle organizzazioni missionarie. I fedeli hanno spiegato che stavano chiedendo a Dio di liberare il paese dall’epidemia.

Moore ha lavorato per quindici anni all’Associated Press, prima di passare a Getty Images nel 2005: all’epoca viveva ad Islamabad, in Pakistan, dove fotografò l’assassinio dell’ex primo ministro Benazir Bhutto (qui ci sono alcune delle sue fotografie). Nel corso della sua carriera ha lavorato a reportage fotografici in più di 75 nazioni diverse, mentre negli ultimi anni si è occupato soprattutto della condizione degli immigrati negli Stati Uniti. Moore ha vinto quattro volte il World Press Photo e una volta la medaglia Robert Capa, per il suo lavoro in Pakistan. Nel 2005 faceva parte del team dell’Associated Press che vinse il premio Pulitzer per la copertura della guerra in Iraq.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.