Arriva un nuovo disco di Adele?

Se ne parla molto in giro e sarebbe l'uscita più importante del mercato discografico, per ora le notizie sono queste

Martedì 15 luglio un tweet diffuso, e poi subito cancellato, dall’account dei World Music Awards ha riferito della prossima uscita – entro la fine dell’anno – di un nuovo album della cantante inglese Adele, intitolato “25”, che sarebbe il suo terzo disco dopo “19”, uscito nel 2008, e “21”, uscito nel 2011. Il tweet annunciava anche un tour promozionale del disco nel 2015 ed è stato largamente ripreso da decine di siti specializzati, prima che il presidente del gruppo Beggars – cui appartiene l’etichetta discografica con cui pubblica Adele, la XL Recordings – smentisse categoricamente la notizia che era rapidamente circolata online.

Ha suscitato comunque alcune interessanti riflessioni il fatto che la notizia del nuovo disco di Adele, presumibilmente falsa, abbia riattivato un interesse così ampio e diffuso: Adele è con ogni probabilità una delle cantanti degli ultimi anni ad aver ottenuto un successo e una popolarità tanto notevoli in un arco di tempo relativamente breve. Il suo disco più recente – 21, di circa tre anni fa – è quello che è rimasto per più tempo al primo posto nella classifica Billboard Top 200, tra tutti dischi usciti negli ultimi venti anni, e Adele è ormai da tempo regolarmente citata in diverse altre classifiche di vendita del genere.

Questo è quello che si sa del suo prossimo disco, mettendo insieme le informazioni circolate negli ultimi mesi.

Il titolo
A giugno scorso anche il Daily Star aveva scritto che il disco dovrebbe intitolarsi “25”, e citava una fonte anonima secondo la quale la registrazioni erano già terminate e Adele avrebbe potuto decidere di pubblicare il disco in qualsiasi momento. Qualche settimana prima, in occasione del suo 26esimo compleanno, Adele aveva peraltro pubblicato una foto su Twitter in cui sembrava alludere alla possibilità che il numero “25” potesse ricomparire in un futuro imprecisato che in molti hanno ritenuto molto vicino.

 

Quando e come sarà venduto
Nello stesso articolo del Daily Star, poi ripreso da diversi siti di musica, si accennava alla possibilità che il nuovo disco di Adele possa essere messo in vendita su iTunes verso ottobre o novembre: senza una precedente campagna promozionale ma “a sorpresa”, un po’ come capitato a dicembre per il nuovo disco di Beyoncé, che ottenne un notevole successo di vendite.

Produttori e collaborazioni
Tra gli addetti si è parlato della possibile partecipazione di James Ford, già produttore molto apprezzato degli Arctic Monkeys, e del cantautore e musicista inglese Kid Harpoon, che in passato ha lavorato tra gli altri con Florence & The Machine. Era anche emerso il nome di Ryan Tedder, produttore statunitense e frontman del gruppo OneRepublic, che aveva già lavorato con Adele al disco precedente, coscrivendo e producendo il pezzo Rumour Has It.

Da tempo circola anche il nome di diversi noti cantanti e musicisti tra le possibili collaborazioni nel prossimo disco di Adele: quella più importante e probabile è quella con Phil Collins, che a gennaio scorso disse di aver iniziato a lavorare ad alcune canzoni con Adele, su richiesta di lei, e di aver apprezzato molto il valore formativo della loro collaborazione. Si era parlato di Katy Perry, ma con non molti argomenti a parte il fatto che alla fine di maggio era circolato molto un selfie di lei e Adele su Instagram, che alcuni avevano interpretato come una loro collaborazione in corso o imminente.

Come prova di altre possibili collaborazioni alcuni citano un’intervista del rapper statunitense Wiz Khalifa, che l’anno scorso disse che recentemente aveva collaborato con diverse note cantanti tra cui Miley Cyrus e Adele: in molti credettero che Wiz Khalifa si riferisse al suo prossimo disco, che poi in effetti uscì (Blacc Hollywood) ma non c’era traccia di collaborazioni con Adele. Pertanto alcuni – in pochi, a dire il vero – ritengono ora che Wiz Khalifa si riferisse proprio al nuovo disco di Adele.

Foto: Chris Pizzello/Invision/AP

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.