• Mondo
  • giovedì 17 luglio 2014

Diario fotografico da Gaza

Per cinque ore è stata una giornata quasi normale, con i mercati riaperti e le code ai bancomat: poi sono ricominciati gli attacchi, per il decimo giorno

Il decimo giorno di guerra a Gaza è stato un po’ diverso dagli altri: durante le cinque ore di tregua decise da Israele e da Hamas per motivi umanitari sono stati riaperti i mercati, un sacco di gente ha tentato di prelevare contanti dai bancomat, le strade si sono riempite di persone quasi come se fosse un giorno normale. Poi però sono ripresi gli attacchi: la tregua è stata violata da tre colpi di mortaio sparati dalla Striscia verso Israele, e al termine delle cinque ore Israele ha ricominciato i suoi bombardamenti. E quindi questa giornata quasi normale è tornata a essere uguale alle ultime dieci, cioè una giornata di guerra. Che a Gaza è comunque una forma di terribile normalità, ormai.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.