Facebook ha pubblicato un’app per sbaglio

E l'ha rimossa dopo poche ore: si chiama Slingshot e vuole fare concorrenza a Snapchat, l'app per mandarsi messaggi che si cancellano da soli dopo averli letti

Aggiornamento del 18 giugno 2014
Facebook ha infine pubblicato Slingshot, per ora disponibile su GooglePlay per Android e sulla versione statunitense dell’App Store per iPhone.

***

Facebook ha messo sull’App Store di Apple una nuova applicazione per iPhone simile a Snapchat che si chiama Slingshot, ma dopo poche ore dalla sua pubblicazione l’ha rimossa: l’aveva resa disponibile per errore. Diversi utenti hanno fatto in tempo a scaricarla e a provarla prima che fosse eliminata dall’App Store, e alcuni siti di tecnologia ne hanno realizzato screenshot che stanno circolando molto online.

Slingshot (traducibile con “fiondata”) ricorda molto Snapchat, l’applicazione che sta avendo molto successo soprattutto negli Stati Uniti e che serve per mandarsi messaggi con foto e video che si cancellano da soli pochi secondi dopo essere stati letti. Facebook si era offerta di acquisire Snapchat a quanto pare per 3 miliardi di dollari, ma i cofondatori dell’applicazione rifiutarono l’offerta, preferendo mantenere una completa autonomia per lo sviluppo della loro startup. In precedenza Facebook aveva provato a fare concorrenza a Snapchat con un’altra applicazione che aveva chiamato Poke, e che era sostanzialmente un clone dell’app concorrente. Poke non ottenne il successo sperato e alcune settimane fa Facebook, facendo ordine tra le sue applicazioni, l’ha rimossa dagli store online.

A differenza di Poke, Slingshot ha qualche funzionalità in più che la rende almeno in parte differente rispetto a Snapchat. Per poter visualizzare un messaggio ricevuto da un amico, per esempio, è necessario rispondere con un altro messaggio, in modo da sbloccare il contenuto. Questo sistema permette di aumentare il coinvolgimento da parte di chi usa l’applicazione, insieme ad altri accorgimenti come la possibilità di inviare un messaggio per mostrare la propria reazione al contenuto appena ricevuto. In questo Slingshot ricorda un’altra applicazione che si chiama Taptalk e che sta iniziando a riscuotere un discreto successo, anche se ancora non comparabile a quello di Snapchat.

Slingshot è stata realizzata da Creative Labs di Facebook, la divisione della società che si occupa di progettare e creare nuove applicazioni da affiancare a quella classica del social network per gli smartphone. Dai Labs è uscita di recente Paper, l’applicazione per leggere più facilmente la sezione “Notizie” di Facebook, per ora disponibile solo negli Stati Uniti.

Un portavoce di Facebook ha confermato che Slingshot è stata messa a disposizione lunedì 9 giugno per alcune ore sull’App Store per errore: “Con Slingshot potrete condividere tutti i momenti della vostra giornata con un sacco di amici in una volta sola. Sarà pronta presto e siamo entusiasti all’idea di farvela provare”. Una data ufficiale per la pubblicazione dell’app non è stata comunque comunicata.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.