• postit
  • giovedì 8 Maggio 2014

I separatisti dell’Ucraina orientale hanno deciso di non posticipare il referendum sullo status di Donetsk e Luhansk, nonostante la richiesta di Vladimir Putin

Mercoledì il presidente russo Vladimir Putin aveva chiesto ai separatisti filo-russi delle città orientali di Donetsk e Luhansk di posticipare il referendum fissato per domenica 11 maggio che dovrebbe decidere lo status delle regioni orientali dell’Ucraina: in pratica, decidere se staccarsi dal governo centrale di Kiev e rimanere autonomi o unirsi alla Russia (non è ancora molto chiaro cosa potranno prevedere i referendum). La situazione è piuttosto confusa: non si conosce né il motivo per cui Putin abbia chiesto di posticipare il referendum dopo le azioni molto aggressive delle ultime settimane, né quanta autonomia abbiano i movimenti filo-russi dal governo di Mosca.

Questo è un post della categoria PostIt, che rimanda direttamente alla fonte originale della notizia dalla homepage del Post.

Se siete arrivati su questa pagina attraverso i feed RSS o dai social network, potete leggere il contenuto di questa notizia sulla fonte originale cliccando sul titolo qui sopra.
Qui c'è l'elenco di tutti gli ultimi PostIt.