La storia del codice A113 nei film della Pixar

Sta girando molto online in questi giorni, ma si conosceva già da diversi anni: c'entra l'università in cui hanno studiato alcuni registi della famosa casa di animazione

In moltissimi film della casa di produzione cinematografica Pixar compare in maniera più o meno nascosta il codice A113 (su muri, macchine fotografiche, targhe, eccetera). Negli ultimi giorni questa storia, già nota da qualche anno, è circolata molto su siti di news stranieri e italiani: alcuni hanno sostenuto che il “mistero” del codice A113 sarebbe stato risolto solo di recente, ma le cose non stanno così.

Il sito francese Pixar Planet aveva spiegato la storia e raccolto molti screenshot di film della Pixar in un post del 30 aprile 2010. Su YouTube c’è un video caricato dal canale della DisneyPixar il 14 settembre 2009 in cui John Lesseter, il direttore creativo della società regista di “Toy Story” e “Cars”, spiega – dal minuto 1.49 – perché molti registi e disegnatori della Pixar si siano divertiti a inserire il codice A113 in diversi film. Il codice A113 è il numero di un’aula al California Institute of Arts, un’università di Valencia, California, dove studiarono molte persone che ora lavorano alla Pixar. Tra questi ci sono lo stesso John Lasseter e Brad Bird, il regista tra le altre cose di “Gli Incredibili” e “Ratatouille”.

Brad Bird inserì l’easter egg anche nel video da lui diretto della canzone “Do the Bartman”, scritta da Michael Jackson, e in diversi suoi film, tra cui “Mission: Impossible – Protocollo Fantasma”. Su internet sta girando anche una foto dei registi della Pixar Pete Docter, Andrew Stanton e John Lassete davanti all’aula A113, quando erano studenti del CalArts.

 

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.