Cosa c’è in Windows 8.1 Update

L'aggiornamento di Microsoft risolve molti problemi a chi si è picchiato per mesi col sistema operativo perché poteva usare solo tastiera e mouse e non il touchscreen

Venerdì 4 aprile a San Francisco, California, finisce Build, l’annuale conferenza organizzata da Microsoft per mostrare le ultime novità sui suoi sistemi operativi, dando informazioni e dettagli più approfonditi sul loro funzionamento agli sviluppatori, quelli che fanno programmi e applicazioni. Oltre ad avere presentato Windows Phone 8.1, una nuova versione del suo sistema operativo per smartphone, Microsoft ha annunciato che martedì 8 aprile metterà a disposizione di tutti quelli che usano Windows 8.1 un importante aggiornamento, dedicato soprattutto a chi usa computer con mouse e tastiera, senza touchscreen.

Windows 8.1 Update aggiunge la possibilità di vedere come prima cosa all’avvio il classico desktop, quello con la barra delle applicazioni e le icone, al posto della nuova schermata Start con i quadratini colorati delle applicazioni (che si chiamano Live Tile). Altre novità riguardano l’aggiunta di icone che mostrano le app aperte anche nella modalità desktop, tasti per gestire meglio i Live Tile e per chiudere le applicazioni con la classica “X” in alto a destra, senza dovere fare movimenti strani con il mouse per sopperire alla mancanza del touchscreen.

Trovate tutte le principali novità di Windows Update 8.1 elencate qui sotto per immagini

Con il nuovo aggiornamento, che potrà essere scaricato gratuitamente, Microsoft ha messo ordine nel suo sistema operativo e lo ha reso meno complicato da usare con tastiera e mouse, uno dei suoi problemi più gravi dal momento della nascita. Windows 8.1 continua comunque ad avere diversi problemi legato al modo in cui è stato concepito: mette insieme due interfacce grafiche diverse tra loro, quella classica desktop e quella moderna della schermata Start, con opzioni che si ripetono tra le due versioni e con soluzioni poco intuitive per chi ha poca dimestichezza con i computer.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.