Renzi lunedì al Quirinale

Napolitano lo vuole vedere alle 10.30 del mattino, per dargli l'incarico di formare un governo

Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha convocato per la mattina di lunedì 17 febbraio al Quirinale il segretario del Partito Democratico Matteo Renzi. Il comunicato è piuttosto essenziale ed è stato pubblicato nel pomeriggio di domenica sul sito del Quirinale.

Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha convocato per le 10.30 di domani, al Palazzo del Quirinale, il Segretario Nazionale del Partito Democratico, Matteo Renzi.

Sabato 15 febbraio il presidente del Consiglio aveva concluso le consultazioni iniziate in seguito alle dimissioni del presidente del Consiglio Enrico Letta, presentate venerdì 14 febbraio. Il conferimento dell’incarico a Renzi era atteso per la sera di sabato o per domenica, ma al termine delle consultazioni Napolitano non aveva specificato né a chi né quando avrebbe affidato l’incarico di formare il governo.

Luigi Zanda, capogruppo del PD al Senato, che ha partecipato alle consultazioni, ha detto che il partito ha proposto Renzi. Dalle dichiarazioni fatte dai leader dei principali gruppi parlamentari al termine dei rispettivi incontri con Napolitano non sono emerse posizioni politiche molto diverse rispetto al previsto: la maggioranza che sosterrà il nuovo governo dovrebbe essere in larga parte la stessa che sosteneva quello precedente, e cioè PD, Nuovo Centrodestra, Per l’Italia e Scelta Civica. Nuovo Centrodestra, però, ha posto delle riserve legate sostanzialmente alla composizione della nuova coalizione e al programma politico del futuro presidente del Consiglio. Si è quindi indebolita l’ipotesi che Renzi possa presentare la lista dei ministri molto velocemente.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.