• Sport
  • domenica 9 febbraio 2014

Innerhofer ha vinto l’argento

Nella discesa libera: è la prima medaglia dell'Italia alle Olimpiadi invernali di Sochi

Lo sciatore italiano Christof Innerhofer ha vinto la medaglia d’argento nella discesa libera maschile alle Olimpiadi invernali di Sochi 2014, prima gara dello sci alpino, sulla pista del Rosa Khutor Alpine Center, a Krasnaja Poljana, in Russia. Innerhofer è arrivato secondo a 6 centesimi di secondo di distanza dall’austriaco Matthias Mayer; terzo si è classificato il norvegese Kjetil Jansrud. Nessuno dei tre partiva propriamente come favorito, ma Innerhofer era nella lista degli atleti italiani da cui ci si attendeva una medaglia, nello sci alpino.

Tra gli altri italiani, Peter Fill è arrivato settimo, Dominik Paris undicesimo e Werner Heel dodicesimo. Il norvegese Aksel Lund Svindal, da molti ritenuto il favorito per questa gara, è arrivato quarto, mentre lo statunitense Bode Miller è arrivato ottavo. La discesa di Innerhofer, che ha 29 anni, è stata pressoché perfetta: molto veloce e “pulito” nella prima parte della pista, non ha commesso errori nella seconda parte, dove in molti hanno perso diversi decimi rispetto al gran tempo segnato da Matthias Mayer.

Innerhofer è alla sua seconda Olimpiade: quattro anni fa a Vancouver arrivò diciannovesimo nella discesa libera, sesto nel supergigante e ottavo in supercombinata. Tra i suoi successi più importanti ai campionati mondiali ci sono le tre medaglie vinte a Garmisch, in Germania, nel 2011: arrivò primo nel supergigante, secondo nella supercombinata e terzo nella discesa libera. A novembre 2011 subì un infortunio in allenamento, da cui riuscì a riprendersi rapidamente, e a marzo 2012 vinse la gara di supergigante ai mondiali di Schladming, in Austria. Innerhofer è uno degli atleti più forti e versatili di tutta la squadra italiana di sci alpino: tornerà in pista domenica 16 febbraio per la gara di supergigante maschile.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.