• Italia
  • mercoledì 15 gennaio 2014

Gli autobus di Milano

Un'azienda polacca ha vinto la gara per l'acquisto di 85 nuovi mezzi – e non perché i suoi costi fossero più bassi di quelli della concorrenza italiana, come racconta Dario Di Vico

La società polacca Solaris ha vinto la gara dell’ATM, l’ente dei trasporti di Milano, per l’acquisto e la manutenzione di 85 nuovi autobus. E non perché i suoi costi fossero straordinariamente bassi, come si potrebbe pensare e come racconta Dario Di Vico sul Corriere della Sera.

La notizia è di quelle che muovono l’applauso di liberalizzatori ed europeisti: a Milano l’ATM ha indetto una gara per l’acquisto e la manutenzione di 85 nuovi autobus e hanno prevalso, a sorpresa, i polacchi della Solaris. Poco conosciuti dal grande pubblico, i vincitori sono un competitor continentale di tutto rispetto che si sono aggiudicati già altre piccole gare in Italia (in Emilia e in Sardegna) e hanno prevalso in sfide più impegnative in Germania (Berlino, Stoccarda e Amburgo).

Verrebbe immediatamente da pensare che i polacchi si sono affermati perché, grazie al differenziale garantito dal basso costo del lavoro, hanno potuto fare un prezzo straordinariamente basso e fuori dalla portata dei concorrenti italiani (BredaMenarinibus e Iveco). E invece no, all’apertura delle buste l’offerta più vantaggiosa per il compratore era quella della Menarini, che però deve aver esagerato. Volendo vincere a tutti i costi una gara considerata strategica e avendo paura della competitività di prezzo dei polacchi, ha presentato un’offerta che la commissione ha giudicato «anomala» e «non credibile». E di conseguenza ha squalificato l’azienda italiana del gruppo Finmeccanica, assegnando la vittoria a Solaris.

(continua a leggere sulla rassegna stampa della regione Lombardia)

foto: LaPresse

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.