• Cultura
  • domenica 22 dicembre 2013

Vita di Schulz

L’introduzione alla biografia dell’autore dei Peanuts, scritta da David Michaelis e appena uscita in Italia

Tunué-Editori dell’Immaginario ha pubblicato il libro Schulz e i Peanuts: la vita e l’arte del creatore di Snoopy, Charlie Brown & Co., di David Michaelis, nella traduzione di Alessandro Bottero. Il libro, uscito nel 2007 negli Stati Uniti, è una biografia molto dettagliata di Charles M. Schulz, l’autore che per oltre cinquant’anni ha disegnato quotidianamente le strisce dei Peanuts, pubblicate ogni giorno dal Post.

***

Quando Charles Schulz è morto, ha lasciato dentro alle sue strisce cinquant’anni d’indizi sulla sua vita. Per un uomo ritenuto riservato com’era lui, aveva concesso un numero stupefacente d’interviste, ricolme di dettagli rivelatori e a volte connotate da sorprendente candore. Nella sua vita adulta erano state sue abitudini il porre domande puntute e spesso personali a chiunque incrociasse il suo cammino e la sottile ricerca di una comprensione dei misteri della vita ovunque andasse. Eppure non mostrava il minimo interesse per la comprensione di sé stesso e per le implicazioni della sua opera. Insisteva sul fatto che la sua serie a fumetti parlasse su di lui e per suo conto.

Come molti artisti, Schulz sosteneva di poter essere conosciuto solo attraverso il suo lavoro. Nella quiete del suo studio di Santa Rosa, una piccola città nella California settentrionale, raccoglieva quotidianamente in quattro (e in seguito tre) vignette a fumetti disegnate con cura. «Una vignetta», aveva imparato in un corso per corrispondenza negli anni Quaranta, «è precisamente un disegno che mostra un pensiero sotto un’altra forma». Tutte le volte che poteva, offriva ai suoi lettori qualcosa di sé: «Chi legge le mie strisce ogni giorno mi conoscerà di certo; saprà con esattezza chi sono». Quelli che lo conoscevano per davvero avevano capito che era «difficile da conoscere, arduo da capire» e, come un suo amico ha ammesso, «non voleva diventare troppo intimo con nessuno». Un altro amico a cui i suoi modi erano ben noti ha detto: «gli piaceva pensare di sé di essere un uomo semplice, ma non era semplice: era enigmatico e complesso». Si portava appresso un’aria di mistero, un bisogno di riservatezza. La parola più spesso usata per descriverlo, dopo «timido» e «umile», era «complicato».

Parte del mito di Schulz risiede in quella che era la sua totale autosufficienza. Per quasi cinquant’anni, secondo la leggenda, era stato «il solo essere umano di tutti i tempi che abbia scritto, disegnato, inchiostrato o calligrafato la striscia a fumetti dei Peanuts». Aveva disegnato ogni singola striscia delle totali 17.897 e tutte senza l’aiuto di assistenti. Ancora più importante, non aveva ripreso idee da altri; ogni singola storiella dei Peanuts era sua e solo sua, un piccolo fascio di luce gettato sul mondo, che allo stesso tempo rendeva possibile al fumettista rimanere separato da quello stesso mondo. Per fare quello che faceva aveva bisogno di rimanere da solo, padrone esclusivo del suo modesto ma ben definito universo. Una persona più equilibrata e capace di delegare non avrebbe mai potuto creare il sempre sofferente ma inaffondabile Charlie Brown; l’arcigna, spesso spinosa Lucy; il filosofico Linus; l’indomita Piperita Patty; il monomaniaco di Beethoven, Schroeder; e il grandioso, egocentrico bracco Snoopy. «Una persona normale non ci sarebbe riuscita», s’è detto di lui.

(Le strisce dei Peanuts sul Post)

Eppure continuava a ripetere a tutti di essere «nient’altro che una persona qualsiasi», «solo un normalissimo tizio del Midwest», ben poco differente dal «giovanotto qualunque» che era cresciuto a St. Paul, figlio unico di un barbiere retto e dedito al lavoro e di una madre a volte distaccata ma in realtà sempre dolce e amorevole. La sua ambizione, diceva spesso, era «piacere alle persone, come mio padre». Perfino quando divenne il disegnatore di fumetti più pagato al mondo ebbe a dire: «Ho avuto un enorme successo? Lo pensate davvero?». Tornava sempre a essere il figlio del barbiere, il ragazzo all’angolo fra la Selby e la Snelling.

Ai suoi milioni di lettori appassionati il creatore dei Peanuts appariva come un amichevole conoscente di quartiere: egli stesso ci scherzava su dicendo di sembrare un droghiere. Il nome Schulz deriva da un termine tedesco che significa «sindaco del villaggio», e in effetti egli si era fatto sovrintendente di quello che il giornalista Walter Cronkite opportunamente chiamò «un villaggio a fumetti», in grado di esser letto in tutto il mondo. Fu presentato al suo pubblico come «un amico del mondo, caloroso, con cui ci si trova a proprio agio, familiare e facile da amare». Ovunque le persone sentivano di essere cresciute con lui, di essere state curate da lui durante l’infanzia, consolate nell’adolescenza, rasserenate nell’età adulta. Perfetti sconosciuti lo consideravano uno di famiglia. Tuttavia all’apice della fama Schulz si vide rivolgere la domanda, «Si sente disponibile a mostrarsi al mondo intero?», solo per rispondere, contraddicendosi, «Sì, ma non voglio che loro mi vedano».

1 2 Pagina successiva »

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.